Acquistare un’auto diventa sempre più impegnativo, al netto di tutte le formule proposte per dilazionare i costi e al netto anche degli incentivi. Una tendenza, questa, che si conferma di anno in anno più stabile: secondo gli indici Istat dei prezzi al consumo, elaborati dall’Osservatorio Promotec, i prezzi delle auto nel 2019 sono aumentati del 2,5%. Nel 2017 il rincaro sull’anno precedente era stato dello 0,9% e poi nel 2018 dell’1,9%.

Lo studio prova a spiegare questo innalzamento in correlazione a un’offerta tecnologica di servizi, sulle auto, sempre più aggiornata, sofisticata e varia: si pensi per esempio ai sistemi di assistenza alla guida, oggi sempre più numerosi e diffusi già a partire dagli allestimenti base, dove sono quindi proposti di serie e non come optional; o ancora, si pensi all’infotainment che rende i veicoli ormai iper-connessi, praticamente degli smartphone su ruote.

Di contro, però, si registra un trend negativo e rimasto invariato negli ultimi anni, per quanto riguarda l’usato: già nel 2017 i prezzi delle auto usate erano scesi del 2,6%, ancora più sensibile il calo dell’anno successivo, del 3,3%, e infine quello più contenuto del 2019, -2,7%. In questo caso tutto ciò è stato associato al forte calo di vendite del comparto diesel: una motorizzazione demonizzata e costantemente sotto processo, a causa soprattutto delle nuove norme anti-inquinamento applicate nelle grandi città, che impongono blocchi anche alle vetture a gasolio di ultima generazione (come gli Euro 6) e meno inquinanti.

Infine, quanto ai servizi di assistenza delle auto, nessuna grande variazione: l’Osservatorio ha riscontrato un leggero aumento del costo dei lubrificanti (+0,9%), dei ricambi e degli accessori (+0,4%), mentre i prezzi dei pneumatici non hanno subito alcun cambiamento.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto Europa, a dicembre evitato il peggio. Il 2019 si chiude con un +1,2%

next
Articolo Successivo

Mercato auto Italia, il 2020 comincia maluccio. A gennaio -5,9% di vendite

next