Lei non pensa agli innocenti che finiscono in carcere?“. La domanda è della giornalista di Repubblica, Annalisa Cuzzocrea, ed è rivolta al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, su La7. Da circa cinque minuti, in studio, si sta parlando della legge, entrata in vigore lo scorso primo di gennaio e voluta dal Movimento 5 stelle, che blocca la prescrizione dopo il primo grado di giudizio. E proprio a questo tema è legato il quesito di Cuzzocrea, che infatti esordisce, prima di fare riferimento agli innocenti, col cosiddetto “lodo Conte”, cioè quella proposta, avanzata dal presidente del Consiglio, che farebbe partire il blocco dalla prescrizione dopo il primo grado solo per i condannati e non per gli assolti: “Non teme che sia incostituzionale?”, chiede la giornalista al Guardasigilli, per poi aggiungere: “Ma soprattutto non pensa ogni tanto agli innocenti che finiscono in carcere?”. La risposta di Bonafede, che ha suscitato le polemiche, si inserisce nel contesto della prescrizione: “Gli innocenti non finiscono in carcere”. E il significato è proprio questo: con la legge Bonafede, o blocca-prescrizione, non cambia nulla né ai detenuti ritenuti colpevoli dopo il terzo grado di giudizio (ovviamente) né a quelli in custodia cautelare (arrestati prima della sentenza per pericolo di fuga, reiterazione del reato e/o inquinamento probatorio) perché una prima sentenza, ancora, non c’è stata. In più, in quest’ultimo caso, queste persone sono, per la nostra Costituzione, “presunti innocenti” fino alla sentenza definitiva. Ecco, quindi, in che senso “gli innocenti non finiscono in carcere” se si considera il quadro normativo introdotto dalla blocca-prescrizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni regionali, Morra: “Si parli di più di Gratteri e meno dei citofonatori seriali”. Ed elenca impresentabili. L’ira di Sgarbi: “Untore”

next
Articolo Successivo

Elezioni Regioni, exit poll La7: “Bonaccini 47-51%, Borgonzoni 44-48%”. Mentana: “Bisogna ancora aspettare”

next