“La riforma Orlando è una riforma che ha allungato i tempi della prescrizione. Eliminare la prescrizione corrisponde a un principio barbaro di giustizialismo senza fine, finalizzato a far sì che un cittadino diventi imputato a vita”. Così Matteo Renzi, presentando in Senato la proposta sull’allargamento di 18 app. “Il lodo Conte ha un secondo aspetto di problematicità: nessuno crede che si possa arrivare al processo penale in 4 anni, altrimenti non parleremmo di prescrizione. Noi vogliamo lasciare la prescrizione come prima, e non possiamo dividere tra cittadini di Serie A e serie B – ha aggiunto -. Qui non giochiamo un tema tecnico, ma di fondo, si usa la prescrizione come scalpo per un messaggio di giustizialismo. I cittadini italiani non possono essere condannati a processi a vita”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante morto a Gorizia, Magi (+Europa): “Come Cucchi, hanno espulso dei testimoni”. Procuratore: “Prima li abbiamo interrogati”

next
Articolo Successivo

Caserta, permessi edilizi in cambio di favori: arrestato imprenditore delle cliniche. Gli inquirenti: “Era informato delle indagini”

next