“La riforma Orlando è una riforma che ha allungato i tempi della prescrizione. Eliminare la prescrizione corrisponde a un principio barbaro di giustizialismo senza fine, finalizzato a far sì che un cittadino diventi imputato a vita”. Così Matteo Renzi, presentando in Senato la proposta sull’allargamento di 18 app. “Il lodo Conte ha un secondo aspetto di problematicità: nessuno crede che si possa arrivare al processo penale in 4 anni, altrimenti non parleremmo di prescrizione. Noi vogliamo lasciare la prescrizione come prima, e non possiamo dividere tra cittadini di Serie A e serie B – ha aggiunto -. Qui non giochiamo un tema tecnico, ma di fondo, si usa la prescrizione come scalpo per un messaggio di giustizialismo. I cittadini italiani non possono essere condannati a processi a vita”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante morto a Gorizia, Magi (+Europa): “Come Cucchi, hanno espulso dei testimoni”. Procuratore: “Prima li abbiamo interrogati”

next
Articolo Successivo

Caserta, permessi edilizi in cambio di favori: arrestato imprenditore delle cliniche. Gli inquirenti: “Era informato delle indagini”

next