È morto Pietro Anastasi, centravanti simbolo della Juventus a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta. Fu campione d’Europa con la Nazionale nel 1968 e protagonista della finale contro la Jugoslavia, mentre in bianconero vinse tre scudetti prima di passare all’Inter e chiudere la carriera tra Ascoli e Lugano.

Nato a Catania il 7 aprile 1948, da uomo del Sud divenne l’idolo della Torino operaia di cuore bianconero. Dopo gli esordi nel Varese, Anastasi regala anni straordinari alla Juventus dal 1968 fino al 1976 per un totale di 303 presenze e 130 gol. Passato all’Inter in cambio di Roberto Boninsegna, il centravanti siciliano gioca 46 partite in nerazzurro sognando 7 reti e poi chiude la carriera da calciatore prima nell’Ascoli e poi nel Lugano.

Con la maglia della Nazionale ha disputato 25 gare siglando 8 gol, di cui uno nella storica finale dell’Europeo contro la Jugoslavia all’Olimpico di Roma. A dare l’annuncio della sua scomparsa è stata proprio la Juventus sul proprio sito parlando di un “giorno triste” e salutandolo “con una semplice parola grande quanto lui: Grazie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kitikaka – Pressing Serie A al posto di Tiki Taka? In studio l’ospite (s)gradito: Pardo se la gioca alla Conte, difesa agile e contropiede

next
Articolo Successivo

Lazio-Sampdoria 5-1, i biancocelesti infilano l’11esima vittoria consecutiva: tripletta di Ciro Immobile, più Caicedo e Bastos

next