Al lavoro 10 ore al giorno tutti i giorni, senza riposo, domeniche libere o ferie. Chiusi in un capannone senza riscaldamento alla periferia nord di Torino dovevano confezionare almeno mille scatole di pennarelli per ricevere i 18 euro di paga, mentre erano sorvegliati a vista dal datore di lavoro o dalla moglie, entrambi cittadini di nazionalità cinese. È la condizione di lavoro denunciata da tre richiedenti asilo ma che riguardava circa 45 persone, tutti cittadini extracomunitari richiedenti asilo. I tre lavoratori avevano chiesto che la paga giornaliera salisse almeno a 25 euro e sono stati licenziati.

Giovedì mattina, assistiti dall’avvocato torinese Simone Bisacca che ha anche presentato in procura un esposto per sfruttamento del lavoro, i tre si sono presentati davanti al giudice del lavoro che si è riservato di fissare una nuova data per ascoltare i testimoni. All’udienza non si è, invece, costituita l’azienda che risulterebbe in liquidazione. Ora sono in corso accertamenti per verificare se il materiale che veniva confezionato era contraffatto oppure no.

L’elenco delle buste paga, scrive Repubblica Torino, variava dai 150 euro ai 400 euro, dai 58 ai 300 euro. Ai richiedenti asilo la busta paga – avevano un contratto part time -serviva per il riconoscimento del permesso di soggiorno per motivi umanitari. Per questo, il datore di lavoravo decurtava dallo stipendio mensile altri 50 euro. “In qualità di richiedenti asilo – si legge nell’esposto riportato sempre da Repubblica Torino – si trovavano in evidente stato di soggezione rispetto al datore di lavoro. Il datore di lavoro non perdeva occasione di ricordare loro che se volevano continuare a lavorare e sperare di ottenere il permesso di soggiorno, dovevano accettare le condizioni di lavoro da lui dettate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Case popolari, serve l’efficientamento energetico. Ora è il momento

next
Articolo Successivo

Tampon tax, in un liceo di Erba assorbenti gratuiti nei bagni. I rappresentanti di istituto: “Il ciclo non è una scelta, la solidarietà sì”

next