Quante volte al giorno, ma spesso anche di sera e nei week-end, venite importunati da operatori di telemarketing che vi propongono nuove tariffe e prodotti? Il cosiddetto Telemarketing selvaggio è purtroppo una vera e propria piaga in Italia, difficile da disciplinare ma davvero molto, molto fastidiosa. Fortunatamente nel pre-consiglio dei Ministri tenutosi martedì scorso si è ripreso a parlare della necessità di modificare l’attuale regolamento per consentire agli utenti di inserire in elenco anche il proprio numero di cellulare.

In realtà la legge italiana n.5 dell’11 gennaio 2018, aveva già modificato il funzionamento del Registro delle opposizioni, prevedendo la possibilità di inserirvi anche i numeri di telefono mobili. Purtroppo però il decreto attuativo ha limitato l’inserimento ai numeri fissi (attenzione però, solo se il numero è inserito in un elenco pubblico). Nelle ultime ore però sembra essersi riaperto il dibattito riguardo alla necessità di riformare l’attuale normativa, modificando il regolamento che disciplina il funzionamento del Registro, in modo da consentire finalmente di indicare anche i numeri mobili.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

I tempi comunque non saranno brevi, secondo le prime stime infatti si arriverà grossomodo alla fine dell’anno corrente. Anzitutto infatti bisognerà attendere la prossima riunione del Consiglio dei Ministri per l’approvazione della riforma. A questa prima fase ne seguirà poi una più lunga, di consultazione sia con gli operatori telefonici sia con le associazioni dei consumatori. Infine bisognerà stabilire le modalità tecniche attuative.

Se tutto dovesse procedere come stabilito e non dovessero essere introdotte particolari regole attuative, come invece successo in precedenza, la nuova disciplina dovrebbe prevedere la possibilità, da parte dell’utente, di inserire il proprio numero di cellulare nell’elenco delle esclusioni sia tramite modulo Web che tramite chiamata telefonica, da effettuare proprio dal numero che si intende inserire in elenco. Tuttavia, se l’utente possiede più numeri e vuole inserirli tutti contemporaneamente, il modulo Web sarà la scelta obbligata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il nuovo browser Microsoft Edge basato su Chromium è disponibile. Cosa cambia e come scaricarlo

next
Articolo Successivo

Trust Tytan Gaming GXT 658, set di speaker surround 5.1 da 180 Watt in offerta su Amazon

next