Supercazzola” e “legge del marchese del Grillo” (quella del “io so’ io e voi non siete un c…”), espressioni usate da Ugo Tognazzi in Amici miei e Alberto Sordi ne Il marchese del Grillo. È duello linguistico sui termini più adeguati da adottare in Senato, con la presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati che richiama Massimiliano Romeo per l’utilizzo di “supercazzola”. “Non sapete nemmeno inventarvene una” è l’accusa ironica del presidente del gruppo del Carrroccio a Palazzo Madama rivolta a M5s e Pd. “Non c’è bisogno di usare queste espressioni” è l’intervento di Casellati.

Poi la difesa, con gaffe, del senatore Roberto Calderoli al collega: “Ho controllato, è presente sullo Zingaretti (al posto di Zingarelli, ndr). Quindi vuol dire che ci sta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, Verini (Pd): “Destra usa giustizia come una clava. Grave che Renzi aggiunga suoi voti a quelli di Salvini”

next
Articolo Successivo

Sardine, Salvini pubblica video e deride ragazzo dislessico: “Guardate come sono impacciati”. La replica: “Cyberbullismo inaccettabile”

next