Supercazzola” e “legge del marchese del Grillo” (quella del “io so’ io e voi non siete un c…”), espressioni usate da Ugo Tognazzi in Amici miei e Alberto Sordi ne Il marchese del Grillo. È duello linguistico sui termini più adeguati da adottare in Senato, con la presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati che richiama Massimiliano Romeo per l’utilizzo di “supercazzola”. “Non sapete nemmeno inventarvene una” è l’accusa ironica del presidente del gruppo del Carrroccio a Palazzo Madama rivolta a M5s e Pd. “Non c’è bisogno di usare queste espressioni” è l’intervento di Casellati.

Poi la difesa, con gaffe, del senatore Roberto Calderoli al collega: “Ho controllato, è presente sullo Zingaretti (al posto di Zingarelli, ndr). Quindi vuol dire che ci sta”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili