Il T730 è il desktop Tower della famiglia di PC da gaming Legion di Lenovo, presentato poco più di 2 anni fa nel tempo ha visto offerti versioni con componenti più recenti per rimanere a passo con i tempi. Durante le ultime settimane Lenovo ci ha dato la possibilità di provare una delle configurazioni più potenti del T730, con CPU Intel i7 9700K (raffreddata a liquido tramite un AiO) su scheda madre con chipset Z370, GPU NVIDIA RTX2080 Super, 32GB di RAM e storage composto da un SSD NVMe da 256GB ed un HD da 2TB.

Dal punto di vista delle forme il T730 è simile ad un tower standard, da cui si differienza nelle “decorazioni”: sul frontale gli spigoli verticali sono molto arrotondati e, sfalsata verso sinistra, una griglia circolare a maglie ampie a far trasparire gli effetti di illuminazione a led RGB, mentre sulla parte superiore trova posto una maniglia che ne facilita il trasporto; il pannello laterale sinistro presenta inoltre una finestra nella parte medio-alta che permette di dare un’occhiata agli interni (illuminati anch’essi), presentando dietro la porzione trasparente una griglia circolare simile a quella anteriore (ma con circonferenze inferiori).

Pensato per il gaming di alto livello, il PC di Lenovo non ha mostrato incertezze nei vari giochi in cui lo abbiamo messo alla prova giocando in 4K, vedendo la RTX2080 Super riuscire ad offrire generalmente un framerate medio intorno ai 60fps utilizzando dettagli alti o medio-alti; durante la review di Need For Speed:Heat, gioco che si è presentato molto affamato di potenza, forzando i dettagli del gioco al massimo, il frame al secondo offerti variavano generalmente tra i 45 ed i 65 in base alla situazione (giorno/notte) ed alla quantità di veicoli sullo schermo, richiedendo per un gioco più fluido di abbassare allo step appena inferiore i dettagli. Con risoluzioni più basse, come la QHD (2560×1440) e FullHD (1920×1080), utilizzate maggiormente dai monitor ad alto refresh rate (quelli con frequenze oltre i 120Hz) l’hardware del Legion T730 è generalmente in grado di offrire tranquillamente oltre 90-120fps nella maggior parte dei giochi più popolari.

Abbiamo voluto mettere sotto stress con alcuni benchmark sintetici il Legion T730 per poter provare le capacità del sistema di raffreddamento a liquido alle cui cure Lenovo ha affidato la CPU Intel i7-9700K, vedendo il sistema dotato di un singolo radiatore da 120mm mantenere durante i test con 3DMark la CPU generalmente tra i 40° ed i 50°. Il sistema nel complesso non è risultato mai particolarmente rumoroso durante la prova, se non quando messo particolarmente sotto torchio (nulla che però una comune cuffia da gaming non sia in grado di escludere).

Buona la dotazione di porte, che vede il desktop da gaming di Lenovo offrire 6 porte USB 3.0 (4 sul posteriore e 2 molto accessibili, posizionate sulla parte anteriore del pannello superiore), 2 USB 2.0, mentre sul versante audio è presente un’uscita per jack da 3.5mm sul posteriore e due prese (1 cuffie ed 1 microfono) nella parte superiore. In modo anomalo rispetto agli standard attuali, il T730 è equipaggiato con un masterizzatore DVD slim (simile a quelli presenti sui notebook), posizionato dietro ad uno sportellino a scivolamento sulla parte superiore del pannello frontale). Nella confezione sono inclusi tastiera e mouse standard di Lenovo, utili per un utilizzo normale, meno per il gaming avanzato.

Il Lenovo Legion T730, nella configurazione da noi provata, non ha affatto deluso sul versante prestazionale, presentandosi come una valida opzione per coloro che cercano una soluzione chiavi in mano, e con garanzia del produttore sull’intero sistema, per il proprio PC da gaming ad alte prestazioni, senza la necessità di particolari conoscenze informatiche per assemblarlo. Il suo prezzo online attualmente oscilla tra i 2450€ ed i 2650€, non discostandosi troppo da altre soluzioni simili di altri produttori; volendo rapportare il tutto ad un sistema assemblato, va considerato che ad oggi, acquistando componenti simili presso store che non effettuano “giochetti fiscali” la cifra necessaria si aggira sui 2.000€ a cui vanno aggiunti costi di assemblaggio (se non si fa in proprio) e costo della licenza del sistema operativo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teracube, lo smartphone sostenibile grazie a una garanzia di quattro anni

next
Articolo Successivo

Wishake True Wireless 2: buona la prova con musica e chiamate per gli auricolari di Wiko, migliorabili i controlli touch

next