Nuovo anno, nuova infornata di modelli elettrificati in arrivo. Ce n’è per tutte le tasche: si parte dal sistema mild-hybrid messo a punto dalla Fiat per 500 e Panda, best-seller del costruttore italiano. Una soluzione semplice e poco costosa da produrre, che aiuta a ridurre i consumi e le emissioni inquinanti. Sotto al cofano finisce un tre cilindri di un litro di cubatura, capace di erogare 70 Cv di potenza. L’unità motrice si abbina a un alternatore-generatore elettrico da 3,6 kW di potenza e 12 volt di tensione, collegato a una batteria al litio da 11 Ah.

Il powertrain recupera energia in fase di frenata e decelerazione, immagazzinandola nella batteria e adoperandola per riavviare il motore dopo uno stop e supportarlo nella fase di spunto. Inoltre, il propulsore si spegne sotto i 30 km/h mettendo il cambio (a 6 marce) in folle. Rispetto al quattro cilindri 1.2 Fire da 69 Cv che sostituisce, questo nuovo mild-hybrid vanta emissioni e consumi che calano dal 20 e il 30%. Senza contare l’omologazione come veicolo ibrido, con tutti i benefici fiscali del caso. I prezzi partono da 10.900 euro.

Più sofisticate (e costose) le nuove Renault Clio E-Tech e Captur E-Tech Plug-in. La prima è la versione full-hybrid della compatta francese, con batterie ricaricabili in fase di decelerazione – in questo caso, uno dei due motore elettrici nel powertrain funge da generatore e recupera l’energia cinetica prodotta dalla decelerazione per trasformarla in energia elettrica e rimandarla alla batteria – e frenata o con l’energia prodotta dall’unità motrice termica di 1,6 litri di cilindrata. La stessa della Captur E-Tech Plug-in che, però, beneficia di batterie più grandi (9,8 kWh di capacità, contro gli 1,2 kWh della Clio), ricaricabili anche da una presa di corrente esterna: ciò consente di collegarle alle colonnine pubbliche come pure alla presa di corrente domestica.

Entrambe le motorizzazioni E-Tech garantiscono l’avviamento, il momento più critico in termini di consumo ed emissioni, sempre in modalità 100% elettrica. Altri assi nella manica sono la trasmissione multimodale e l’impianto di frenata rigenerativa. Secondo il costruttore parigino, la Clio E-Tech è in grado di “circolare in città per l’80% del tempo in modalità full electric, risparmiando sui consumi fino al 40% rispetto ai motori termici in ciclo urbano”. Mentre Captur E-Tech Plug-in vanta un’autonomia elettrica di 50 km – che diventano 65 in città – a una velocità fino a 135 km/h. Dopo tale soglia si attiva l’unità termica. Presente anche una trasmissione multimodale con innesto a denti, priva di frizione. Prezzi e disponibilità per il mercato italiano ancora da definire.

Infine, l’offerta premium di BMW, che propone le edizioni elettrificata ibride plug-in di X1 e X2, gli sport utility di ingresso nella gamma del costruttore bavarese: sul mercato italiano arriveranno a marzo, a prezzi ancora da definire. Entrambe le auto beneficiano di un tre cilindri turbobenzina di 1.5 litri di cilindrata: eroga 125 Cv di potenza massima, 220 Nm di coppia motrice ed è abbinato a un cambio automatico a sei marce e a un motore elettrico da 95 Cv e 165 Nm, posizionato sull’asse posteriore, a cui trasmette la coppia motrice. Così la trazione diventa 4×4.

L’elettromotore è alimentato da batteria al litio ha una capacità di 10 kWh, mentre la potenza e coppia massima di sistema toccano rispettivamente 220 Cv e 385 Nm. La batteria ad alta tensione – che consente di percorrere fino a 57 chilometri a zero emissioni – può essere caricata nelle normali prese domestiche in circa cinque ore (3,8 ore per raggiungere l’80% della capacità totale). Utilizzando una BMW i Wallbox, però, l’operazione di ricarica dallo 0 al 100% richiede meno di 3,2 ore e l’80% della capacità totale è raggiunta dopo 2,4 ore. Brillanti le prestazioni, con uno scatto 0-100 km/h coperto in poco meno di 7 secondi e una velocità massima di 193 km/h (195 per la X2). Il consumo medio omologato Wltp è compreso tra 1,9 e 2,1 l/100 km.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hummer, una nuova vita a emissioni zero. Parola di LeBron James

next
Articolo Successivo

Auto elettriche e ibride, il 2020 sarà l’anno dell’Europa. Previsti aumenti del 60%

next