Due braccia in più in casa per i servizi di tutti i giorni farebbero sempre comodo. Lo pensa evidentemente anche Colin Angle, il CEO di iRobot, azienda famosa per il proprio robot aspirapolvere Roomba. Angle infatti ha dichiarato a Bloomberg, in occasione del CES 2020, che presto l’azienda realizzerà una nuova e più avanzata versione del suo robot, dotata di braccia artificiali. Il suo obiettivo sarà quello di affiancarci o anche sostituirci nell’esecuzione di compiti più complessi rispetto alla semplice pulizia del pavimento, come ad esempio lavare i piatti, fare il bucato o addirittura servire il cibo.

Angle non ha fornito in realtà molti altri dettagli sull’argomento, men che meno una finestra temporale in cui ciò accadrà. L’arrivo del “Roomba con le braccia” infatti non è previsto per almeno altri cinque anni, anche se il CEO ha sottolineato che un prototipo è già stato realizzato ed è in test nei laboratori iRobot.

La cosa non deve stupire più di tanto, ‎ ‎‎perché in realtà l’azienda ha una grande esperienza nel settore della robotica, avendo lavorato per anni allo sviluppo di arti robotici utilizzati soprattutto in campo militare, prima di cedere la divisione nel 2016.

‎‎”iRobot ha una lunga storia nell’evoluzione del settore della robotica e nello sviluppare tecnologie di manipolazione innovative, tra cui le braccia”, ha infatti spiegato un portavoce di iRobot in una dichiarazione. “Le nuove tecnologie che forniscono ai robot un contesto spaziale, comprese le mappe che aiutano i nostri robot di consumo a navigare, alla fine aiuteranno ad aprire la porta a una nuova generazione di robot domestici con le braccia, perché ci sono una moltitudine di compiti pratici e a casa che potrebbero essere affrontati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook, il TAR dimezza le multe dell’Antitrust ma riconosce il valore economico dei dati personali

next
Articolo Successivo

Sony Alpha 77M2, fotocamera digitale reflex da 24 Mpixel in vendita su Amazon con sconto del 42%

next