Un’unità di storage capiente, velocissima, compatta, assai elegante e particolarmente sicura: non è un’utopia, ma il Samsung Portable T7 Touch, un SSD portatile mostrato al CES di Las Vegas, capace di scrivere i dati a ben 1000 MB/s e dotato di un sensore per le impronte digitali per tenere i nostri dati sempre al sicuro.

disponibile nelle finiture nero o argento e nei formati da 500 GB, 1 TB e 2 TB, che lo rendono adatto ad un’ampia gamma di utilizzi, il Samsung T7 mostra anche dimensioni contenute e un’estetica contemporanea, dalle linee fortemente stilizzate e pulite. L’unità, che utilizza lo standard USB 3.2 Gen 2 (10 Gbps) per garantire prestazioni elevatissime, può toccare i 1050 MB/s in lettura e i 1000 MB/s in scrittura, circa il doppio del precedente modello T5 e oltre 9 volte superiore rispetto agli HDD esterni tradizionali. Per garantire la massima flessibilità d’uso agli utenti infine Samsung ha dotato l’unità SSD di due cavi, uno USB Type-C-to-C e uno USB Type-C-to-A. L’SSD inoltre è compatibile con i sistemi operativi Windows, Mac e Android.

Massima attenzione poi anche alla sicurezza e alla protezione dei dati, grazie all’implementazione di un sistema di crittografia hardware AES a 256 bit e alla presenza di un sensore di impronte digitali integrato. Il nuovo SSD esterno dispone inoltre anche di un “Motion LED”, che consente all’utente di controllare l’attività del dispositivo con una semplice occhiata. A seconda di come il LED lampeggia è infatti possibile capire che operazione è in atto.

Samsung Portable SSD T7 Touch arriverà nei negozi italiani a partire dalla fine di questo mese, con un prezzo base di 168,79 euro per il taglio da 500 GB. Nella seconda metà dell’anno inoltre sarà commercializzata anche una variante priva di sensore di impronte digitali, che dovrebbe quindi avere un costo più contenuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Twitter contro il cyberbullismo, l’utente potrà decidere chi risponde ai propri tweet

next
Articolo Successivo

Facebook, gli obiettivi per il prossimo decennio secondo Mark Zuckerberg

next