“Rischio di affossare in Senato gli equilibri del governo con le espulsioni? Non si tratta di equilibri o no, ma di rispettare gli impegni presi con gli elettori. Questo per il Movimento 5 stelle viene prima”. Così Jacopo Berti, membro del collegio dei probiviri insieme a Raffaella Andreola e alla ministra Fabiana Dadone, prima di entrare nella riunione dell’organo di garanzia del Movimento 5 stelle. Al vertice partecipano anche i due capigruppo, Davide Crippa e Gianluca Perilli e i tre esponenti del comitato di garanzia, Giancarlo Cancelleri, Vito Crimi e Roberta Lombardi. “C’è la massima e assoluta trasparenza“, sottolinea Berti che prima di sbilanciarsi sul futuro dei morosi ricorda la procedura prevista in questi casi dal regolamento: all’apertura del procedimento seguono 10 giorni per le controdeduzioni dei parlamentari interessati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump fa leva sulla paura per vincere le elezioni. Una strategia che i cittadini Usa conoscono bene

next
Articolo Successivo

Trieste, consigliere di estrema destra: “Non sapevo come gay facessero l’amore e sono andato su Youporn. È atto satanico”

next