Stavano celebrando il nuovo anno i detenuti del carcere di Cieneguillas, vicino a Zacatecas, in Messico, quando è scoppiata una rissa che ha provocato la morte di 16 carcerati mentre altri 5 sono rimasti feriti. Alcune persone sono morte per colpi d’arma da fuoco, altre per accoltellamenti o per percosse con vari oggetti. Nessuna guardia è rimasta coinvolta. Lo ha reso noto il ministero della Sicurezza pubblica che in un comunicato ha spiegato che le armi, utilizzate durante gli scontri e successivamente confiscate, sarebbero state introdotte durante le visite dei familiari il martedì precedente.

Secondo una prima ricostruzione, la rissa in carcere è iniziata verso le 14.30, ora locale, ed è durata tre ore fino a quando la polizia penitenziaria è riuscita a riportare la situazione sotto controllo con il contributo anche di agenti della polizia statale e metropolitana.

Non è il primo atto di violenza nelle carceri in Messico causato dal sovraffollamento e la presenza di gang organizzate nei centri di detenzione. Solo lo scorso ottobre una rivolta in una prigione nello Stato di Morelos aveva causato 6 morti, tra cui il capo del potente cartello Jalisco Nueva Generacion.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raid Usa in Iraq, con l’uccisione di Soleimani la mezzanotte della guerra è più vicina

next
Articolo Successivo

Siria, a Sarmada per divertirsi basta un pallone: la partita di calcio nel fango dei bambini sfollati

next