“Rivendico in maniera totale la mia intervista al figlio di Riina, ma fu un errore fargli firmare la liberatoria dopo la registrazione della puntata”. Bruno Vespa, ospite insieme alla conduttrice tv Paola Barale, de ‘La Confessione’ di Peter Gomez , in onda su Nove venerdì 3 gennaio alle 22.45, torna con la memoria al 7 aprile 2016 quando nello studio di Porta a Porta su Raiuno condusse un faccia a faccia con Giuseppe Salvatore Riina, figlio del capo dei capi di Cosa nostra in occasione dell’uscita del suo libro ‘Riina, family life’. Un’intervista che suscitò moltissime polemiche, ma che Vespa, a distanza di tre anni, rivendica “totalmente dal punto di vista professionale” perché “solo da quell’intervista ho capito, e spero che lo abbia capito anche il pubblico, l’impunità di cui ha goduto Riina da latitante. E’ stato nella clinica dove partoriva la moglie liberamente, non con la barba e i baffi, così, come sarei entrato io e nessuno diceva niente – racconta il giornalista – E’ stato in spiaggia con la famiglia e nessuno diceva niente. Io questo non lo sapevo e debbo a quell’intervista il fatto di averlo saputo”. Anche il direttore de Ilfattoquotidiano.it premette: “L’avrei intervistato anche io. Noi siamo qui a fare i giornalisti per intervistare i cattivi anche, non solo i buoni”. Tuttavia, ricorda Gomez, oltre alle polemiche dovute ai familiari delle vittime di mafia come Maria Falcone e Salvatore Borsellino, “accadde anche un’altra cosa: la presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi polemizzò sul fatto che la liberatoria venne firmata non prima dell’intervista, ma dopo. ‘Le liberatorie si danno sempre prima perché altrimenti si lascia il pallino in mano a chi la deve firmare dopo’, disse all’epoca la Bindi. “Se lei gli avesse fatto domande troppo cattive – spiega Gomez – Riina jr. avrebbe potuto dire: ‘Io non le do il permesso’. Vespa ammette: “E infatti fu un errore. Fu un errore“.

‘La Confessione’ è prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Confessione (Nove), in onda la replica dell’intervista di Peter Gomez a Fedez venerdì 27 dicembre alle 22.45

next
Articolo Successivo

La Confessione (Nove), Paola Barale a Peter Gomez: “Le accuse per droga nell’estate 2001? Una montatura per escludermi dalla tv”

next