In molti in questi giorni di Natale hanno avvistato, sopratutto nel Nord Italia, una scia di luci perfettamente allineate nel cielo buio. Una visione suggestiva e anche misteriosa, che ha suscitato grande curiosità sui social dove in molti si sono interrogati sulla loro natura, rilanciando le ipotesi più fantasiose, dagli aerei militari agli ufo, fino alla slitta con le renne di Babbo Natale.

“Qui a nord ovest una processione di luci nel cielo che era molto interessante e inquietante… chi l’ha organizzata o che succede?”, ha scritto un utente. E ancora: “Appena visto sopra ai cieli della Liguria (18:35). Una fila di luci nel cielo, in lento movimento, apparentemente equispaziate, luminosità simile ad una stella (a occhio nudo). Cosa potrebbero essere? Flightradar24 non segnala nulla. Idee? A chi potrei chiedere?”; “strane luci sopra il cielo di #piacenza in fila equi distanziate e in lento movimento!”, “che siano gli #ufo venuti a darci una svegliata“; “assurda processione di luci nel cielo in linea retta, direzione sud sud ovest-nord est”; “cosa cazzo succede in cielo? La fotocamera del mio telefono non lo riprende, ma ci sono delle luci allineate in maniera strana”, e così altre centinaia di tweet.

In realtà, questo affascinante fenomeno ha una spiegazione ben più scientifica: si è trattato del secondo gruppo di Starlink, i satelliti di Elon Musk lanciati in orbita l’11 novembre scorso nell’ambito di un processo di connessione Internet intrapreso da SpaceX, l’azienda che il miliardario visionario ha creato allo scopo di produrre le tecnologie aerospaziali “low cost” e arrivare fino a Marte. Come hanno spiegato gli esperti dell’osservatorio astronomico polesano: “Sono i satelliti Starlink che ha lanciato Elon Musk. Potete dormire sogni tranquilli“. Starlink si basa su una costellazione di migliaia di satelliti che servono alle telecomunicazioni posizionati in un’orbita terrestre bassa. Dunque quelle luci altro non sono che l’ennesima trovata di Elon Musk.

Foto: Twitter @Stefbazzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eclissi solare di Santo Stefano, ecco dove ammirare l’ultimo spettacolo del cielo dell’anno

next
Articolo Successivo

Allee Willis morta, addio all’autrice della storica sigla del telefilm “Friends”

next