L’Arabia Saudita manderà a morte cinque persone per l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, editorialista del Washington Post scomparso il 2 ottobre 2018. Lo ha annunciato la procura di Riad, spiegando che altre tre persone sono state condannate a 24 anni di carcere per aver cercato di “insabbiare il crimine”. Secondo diverse fonti d’intelligence, il giornalista è stato fatto a pezzi dopo essere entrato nel consolato del suo Paese a Istanbul per ritirare alcuni documenti per le sue nozze e i suoi resti non sono mai stati ritrovati.

La procura ha anche disposto il rilascio di Saud al-Qahtani, consigliere del principe ereditario Mohammed bin Salmam, escludendo quindi eventuali responsabilità di quest’ultimo. Al-Qahtani, ex responsabile per la comunicazione sui social media del principe, resta però indagato per l’omicidio. Secondo l’indagine indipendente condotta da Agnes Callamard, relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni stragiudiziali, c’erano “prove credibili” di un ruolo attivo di Mbs e al-Qahtani nell’assassinio.

Riad ha “seriamente minato” gli sforzi della Turchia per indagare sulla vicenda, aveva detto a febbraio Callamard, che dopo la sua visita in Turchia ha descritto l’uccisione di Khashoggi come “un
omicidio brutale e premeditato“, pianificato e condotto da funzionari sauditi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hong Kong, movimento pro-democrazia scende in piazza in difesa degli uiguri: scontri e arresti

next
Articolo Successivo

Cina, il ministero degli Esteri: “Il caso delle cartoline con una richiesta d’aiuto è una farsa”

next