E’ della Lazio il primo trofeo del calcio italiano: nella finale di Riad, in Arabia Saudita, ha conquistato la Supercoppa italiana battendo la Juventus per 3-1. Un successo costruito con una prestazione perfetta, mescolando solidità in difesa, buon gioco, lucidità e concretezza davanti alla porta. Ad aprire le marcature sono stati proprio i biancocelesti al 16′ con Luis Alberto: affondo sulla sinistra di Lulic che entra in area, supera De Sciglio e mette la palla sul secondo palo dove Milinkovic appoggia al centro per l’accorrente centrocampista spagnolo che insacca dall’altezza del dischetto, con la difesa della Juve nell’occasione un po’ sulle gambe. Ma la squadra di Maurizio Sarri dà l’impressione di rimettere in piedi la partita: il possesso palla è per lunghi tratti del primo tempo quasi un’esclusiva e alla fine la Juve trova il pareggio con Dybala che ribatte a rete un tiro di Cristiano Ronaldo respinto da Strakosha.

Ma nella ripresa l’intensità della Juventus cala progressivamente e soprattutto declina la pericolosità del tridente, a differenza della Lazio che continua a spingere mettendo Immobile in condizione di spaventare Szczesny. Sarri toglie Higuain, inserisce Ramsey, ma non sposta gli equilibri. Al 73′ la Lazio torna in vantaggio: Milinkovic-Savic la mette al centro dove c’è Lulic che si coordina e di destro supera Szczesny. L’assalto finale dei bianconeri è confusionario e non si traduce mai in conclusioni che spaventano Strakosha. La squadra di Simone Inzaghi, dopo un gol annullato per fuorigioco a Correa, fa il terzo a tempo scaduto. Cataldi su punizione riesce a fare quello che Dybala ha cercato di fare per tutta la partita: palla nel sette, 3-1 finale.

Il tabellino
Juventus (4-3-3) – Szczesny, De Sciglio (9′ st Cuadrado), Bonucci, Demiral, Alex Sandro, Bentancur, Pjanic, Matuidi (30′ st Douglas Costa), Dybala, Higuaín (20′ st Ramsey), Ronaldo. A disp. Danilo, Rugani, De Ligt, Bernardeschi, Can, Douglas Costa, Rabiot, Cuadrado, Ramsey, Pjaca, Buffon, Pinsoglio. All. Sarri;

Lazio (3-5-2) – Strakosha, Luiz Felipe, Acerbi, Radu, Milinkovic-Savic, Leiva (18′ st Cataldi), Luis Alberto (20′ st Parolo), Lazzari, Lulic, Correa, Immobile (36′ st Caicedo). A disp. Bastos, Patric, Cataldi, Anderson, Berisha, Marusic, Parolo, Caicedo, Adekanye, Jony, Guerrieri, Proto. All. Inzaghi;
Arbitro: Calvarese di Teramo.
Marcatori: 16′ Luis Alberto (L), 45′ Dybala (J), 28′ st Lulic (L), 49′ Cataldi (L);
Ammoniti: Matuidi (J), Leiva (L), Bentancur (J), Luis Alberto (L), Cataldi (L). Espulsi: Bentancur (J).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, l’Atalanta travolge il Milan per 5 a 0: per i rossoneri è la sconfitta più pesante in campionato dal 1998

next
Articolo Successivo

Serie A, il pagellone di Natale – Conte vs Sarri, gli exploit di Lazio e Cagliari, le neopromosse: che bel campionato. Ma anche 4 delusioni

next