Si è salvato per miracolo dalle macerie della scuola Jovine di San Giuliano di Puglia, crollata per il terremoto del Molise del 31 ottobre 2002. Venne estratto vivo dalle macerie, ma a causa di lesioni al midollo da quel giorno è costretto su una sedia a rotelle. Ma non si è mai arreso: Pompeo Barbieri, 17 anni fa studente di terza elementare, oggi a 25 anni è un campione paralimpico di nuoto e si è laureato a pieni voti alla facoltà di Ingegneria informatica di Ancona il 28 ottobre. Con grande forza e tanto coraggio ha raggiunto importanti traguardi nel nuoto e non solo in Italia: lo scorso 4 marzo ha vinto due medaglie d’oro ai Campionati assoluti invernali di nuoto paralimpico a Bologna. E ancora: a San Giuliano di Puglia ha fondato l’associazione “Pietre Vive” insieme agli altri amici sopravvissuti al dramma della “Jovine” e ora finanzia progetti sociali. Fino all’importante riconoscimento di venerdì del presidente Sergio Mattarella che gli ha conferito l’onorificenza al Merito della Repubblica Italiana.

“Il giovane Pompeo incarna pienamente lo spirito combattivo del popolo sangiulianese – commenta il sindaco del paese molisano, Giuseppe Ferrante -. Un ragazzo che, tra le tante difficoltà, ha saputo reagire. Ha raggiunto risultati inimmaginabili in ambito sia accademico sia sportivo. Voglio congratularmi con lui per questo riconoscimento del Presidente della Repubblica e che sia esempio di vita non solo per il Molise, ma per l’Italia intera”.

Foto da Facebook Pompeo Barbieri

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gli “eroi” civili di Mattarella, la storia di Marco Giazzi: l’allenatore di basket che ha ritirato la squadra dopo gli insulti dei genitori all’arbitro

next
Articolo Successivo

Gli “eroi” civili di Mattarella, la storia di Christian Bracich: l’imprenditore che ha aumentato lo stipendio alla dipendente incinta

next