Le deputate turche del partito repubblicano Chp, oppositore del governo di Erdogan, hanno intonato nell’aula del Parlamento “El violador eres tú“, lo stupratore sei tu, il canto femminista nato in Cile e ora diffuso in tutto il mondo (in Italia è stato adottato dal movimento Non una di meno). Le donne hanno indossato il foulard viola al collo e hanno alzato le foto con i volti di alcune donne turche vittime di femminicidio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finlandia, leader populista estone offende la premier Sanna Marin: “È una commessa”

next
Articolo Successivo

Francia, tredicesimo giorno di sciopero. I sindacati manomettono la rete elettrica a Lione e nella Gironda: 90mila case senza luce

next