Anche a Bologna, come in altre città d’Italia, Non una di meno ha organizzato un flash mob contro lo stupro e la violenza sulle donne. Una danza di gruppo, con bende agli occhi e bandane rosa, che si ispira al flash mob “Un Violador en tu Camino” ideato dal collettivo femminista cileno Lastesis ed esportato in tutto il mondo

video Facebook/Non una di meno Bologna

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I nomadi, cari politici, non esistono. Sono come le scie chimiche

next
Articolo Successivo

Yemen, i disabili sono i più vulnerabili. E non soltanto dal punto di vista fisico

next