I politici su TikTok, l’applicazione più “adolescente” del momento, non sono visti di buon occhio. “Fuori la politica da TikTok”, dicono a gran voce i ragazzini che vogliono solo divertirsi tra lip-sync e challenge create ad hoc sulle canzoni del momento. Eppure da Matteo Salvini a Giorgia Meloni, alcuni leader politici italiani hanno provato a far passare la loro comunicazione anche lì. Ma se la leader di Fratelli d’Italia si è ritirata dopo aver visto che non funzionava, il leader della Lega Nord prova a fare il simpatico con i lip-sync mentre beve un succo di albicocca o un video sui Nutella Biscuits (“Li avete finiti? E’ colpa di Salvini”).

Personalmente la trovo un’irrispettosa invasione di campo”, sostiene Luciano Spinelli, l’italiano più seguito su TikTok con una schiera di 7milioni di followers al seguito. “Penso che questo uso di TikTok sia negativo, principalmente perché TikTok è divertimento ed intrattenimento mentre la politica dovrebbe essere altro. Per quanto loro provino a renderla divertente, la politica per definizione è una cosa seria, non è lo show scadente che ci stanno facendo vedere ultimamente”. Da “Ok, boomer” in poi, i commenti sotto i profili dei politici sono spassosi: “I social in fondo sono democratici e tendono a smascherare chi si improvvisa quello che non è”, ha detto a L’Espresso.

Vent’anni, due libri e un’ospitata da Fiorello all’attivo: Spinelli non vuole fare politica, e nemmeno gli interessa più di tanto, ma ha le idee chiare su come utilizzare i social. “Se stai su TikTok non ti stai di certo dedicando ai problemi del paese. Credo che i tempi che questo social mette a disposizione degli utenti siano troppo brevi per esprimere un ragionamento compiuto e io personalmente dalla politica non mi aspetto semplici slogan ma ragionamenti articolati e risoluzione dei problemi (…) L’unica cosa che viene in mente è che sono tentativi inutili e un po’ imbarazzanti. Credo che i ragazzi della mia generazione la vedano come me: si sentono esposti a un piccolo spettacolo di pessimo gusto. Altrimenti non si divertirebbero a lasciare commenti negativi sotto i video”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rischio plastica nel caffé, maxi richiamo di cialde. Il Ministero: “Non consumatele”

next
Articolo Successivo

Massimo Boldi contro le Sardine: “Le mie figlie laureate non trovano lavoro. Figurati chi va in piazza”. E conferma la relazione con Irene, 34 anni più giovane: “Stiamo bene”

next