Qual è la situazione del mercato dei wearable (smart band e smartwatch) a livello mondiale? Ce lo dice Canalys, che ha reso disponibile da alcuni giorni il suo nuovo report riguardante il terzo trimestre di quest’anno, da luglio a settembre. Ebbene, il mercato è florido e mostra chiari segni di vigore, grazie a una crescita pari al 65% anno su anno, con 45,5 milioni di unità spedite.

A fare da traino è soprattutto l’area Asia Pacific, che comprende tutto il Sud Est asiatico, Australia e Nuova Zelanda, e quella denominata Greater China, che comprende la Cina, Hong Kong, Taiwan e Macao). Per quanto riguarda invece le aziende, leader del settore si conferma Xiaomi, con Apple e huawei rispettivamente al secondo e terzo posto.

In particolare Greater China resta la più grande delle regioni mondiali, contribuendo alle spedizioni per il 40% del totale, con una crescita del 60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. America ed EMEA (Europe, Middle East and Africa) costituiscono assieme un altro 44%, mentre Asia Pacific resta ultima col 16% nonostante l’exploit di questo terzo trimestre (crescita del 130% rispetto al terzo trimestre 2018).

Scendendo nel dettaglio, Xiaomi cresce del 74% con 12.2 milioni di dispositivi wearable spediti, accaparrandosi il 27% del mercato. Apple, col 15%, fa registrare la sua crescita più importante dal secondo trimestre del 2017, con il Watch Series 5 a fare da traino contribuendo quasi per il 60% alle spedizioni. Al terzo posto col 13% del mercato, anche Huawei non se la passa male. Va registrata infatti una crescita del 243% su base annuale, che ha come risultato 5.9 milioni di unità spedite nel trimestre in esame. In generale, nelle prime cinque posizioni solo Fitbit (8% del mercato) non ha fatto registrare un aumento nelle vendite rispetto allo scorso anno, situazione imputabile comuqnue alla recente acquisizione da parte proprio di Huawei, che ha distratto e distolto l’azienda dalle vicende di mercato. Samsung chiude al quinto posto con il 6% del mercato.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AOC CU34G2 e CU34G2X, nuovi monitor gaming in arrivo a gennaio

next
Articolo Successivo

Spotter, l’app che ti premia se segnali il parcheggio auto che hai appena lasciato

next