Nella mitologia greca, Gea è la dea della terra e della natura, madre di tutte le cose. Che fortunata coincidenza portare il suo nome per chi è a capo di un’azienda agricola: Gea Turco, presidentessa di Donne In Campo Sicilia insieme alle sorelle coltiva cereali antichi nelle campagne intorno a Enna. “La terra è bassa, si dice. È dura lavorare in campagna, eppure il suo potere attrattivo è innegabile perché apre tante possibilità economiche diverse – spiega -. Perciò non mi stupisce che molti giovani investano in questo settore: con competenza e creatività si possono avviare start up di successo”.

La sua è una storia di ritorni: ritorno alla tradizione, ritorno in Sicilia, ritorno alla terra dei padri. A 19 anni varca lo stretto e va a studiare a Ravenna. “Ho trovato l’Emilia Romagna accogliente e culturalmente stimolante, pensavo che non me ne sarei più andata”. Ma dopo sette anni lontana dalla Sicilia sente la nostalgia della sua terra, e il desiderio di tornare a casa. “Non mi identificavo più in altri luoghi. Riuscivo ad immaginare il futuro solo vicino alle mie radici“. La scomparsa prematura del padre la richiama improvvisamente a casa: c’è un’eredità da portare avanti, una terra da coltivare. “Sono così ritornata sulle orme dei padri e delle madri. Però è stata dura: a Ravenna prendevi un treno e arrivavi ovunque. A Enna sei al centro della Sicilia, ma fai fatica a sentirti ad un’ora da ciò che desideri fare”.

Adesso le quattro sorelle Turco – Silvia, Tiziana, Anna e Gea – lavorano insieme alla madre Delizia nelle terre di famiglia: 250 ettari sulle colline di Enna, dove si allevano animali e si coltivano ulivi, zafferano e cereali. I grani antichi sono il fiore all’occhiello dell’azienda: sono quelle varietà che venivano coltivate prima che si iniziasse a selezionare il frumento più produttivo e resistente per fini industriali. Sono stati recentemente riscoperti anche per le loro proprietà: spesso sono più digeribili e leggeri delle varietà commerciali. Nei campi delle sorelle Turco cresce il Tumminia, il Russello, il Perciasacchi, il Trentino e da un anno anche grano tenero Evolutivo. “Sono varietà antiche recuperate e custodite all’interno della Stazione sperimentale di granicoltura di Caltagirone, che altrimenti sarebbero scomparse nel tempo. Grazie all’impegno di alcuni agricoltori, dell’università e degli enti di ricerca oggi questo patrimonio è rientrato nuovamente sul mercato e sulle tavole dei consumatori”.

Hanno un mercato di nicchia, è vero, ma un ruolo importante per la biodiversità siciliana, tanto che le sorelle Turco si definiscono biocustodi: “Sentiamo di contribuire a mantenere viva la biodiversità siciliana, custodendo una memoria genetica diffusa sul territorio e in continua evoluzione”. Ogni scelta è dettata dal rispetto per l’ambiente e dall’esigenza di fare economia con le risorse locali: “Produciamo principalmente con contratti di filiera e abbiamo aderito ad un neonato consorzio di produttori. Il nostro modello aziendale è stato riprogettato in chiave più sostenibile: per esempio abbiamo abolito l’uso dell’aratro nelle lavorazioni del terreno”.

Per la seconda volta consecutiva Gea è stata eletta presidente regionale di Donne In Campo Sicilia, associazione di imprenditrici agricole e lavoratrici: “Stando a contatto con tante realtà differenti impari molto, e si crea una rete di supporto e condivisione“. Uno degli obiettivi che le imprenditrici portano avanti con convinzione, spiega, è la diversificazione delle colture, indispensabile per la salvaguardia della biodiversità. Gea racconta con orgoglio di tutte le difficoltà superate e della sua bambina di otto mesi: “Conciliare maternità e lavoro non è sempre facile, ma la soddisfazione più grande è sapere che il sogno dei nostri avi non si è interrotto. Portiamo avanti la responsabilità che ci è stata lasciata e i nostri figli, se lo vorranno, avranno un luogo dove ritrovarsi e riconoscersi, dove sentire odore di casa e di cose familiari“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La nascita di un figlio è uno tsunami. E la prevenzione può evitare disturbi post partum

next
Articolo Successivo

Roma, c’è un legame invisibile tra l’emergenza rifiuti e gli ‘scarti umani’

next