Lunedì sul circuito Ricardo Tormo di Valencia sono scesi in pista 15 titoli di campione del mondo. Nove per la MotoGp e sei per la Formula 1. In altre parole, Valentino Rossi e Lewis Hamilton. Questa volta però a ruoli invertiti: il Dottore alla guida della Mercedes e l’inglese in sella alla Yamaha M1. L’idea era sbocciata già tempo fa, ma finora il grande scambio non era mai stato realizzato. Ci ha pensato lo sponsor delle due icone dei motori, l’energy drink Monster, a organizzare il tutto e realizzarlo in gran segreto: non esistono infatti foto, video o informazioni sui tempi fatti registrare da Rossi e Hamilton. Verrà realizzato una sorta di documentario che lo sponsor pubblicherà nei prossimi giorni.

Tutto è rimasto top secret. Solo due scatti sono stati resi pubblici dalle icone di due e quattro ruote sui rispettivi social network. Per Hamilton – che aveva già girato con una R1 (Superbike) a Jerez de la Frontera – l’esperienza di Valencia è una prima assoluta dato che mai era salito su una due ruote della classe regina, la MotoGp. Per Rossi invece, che non ha mai nascosto la sua passione per le quattro ruote, quella di Valencia risulta essere la sua terza esperienza dopo quelle del 2006 e del 2008, con la Ferrari. Le voci che circolano parlano di ottime prestazioni fatta registrare da entrambi: per avere più dettagli bisognerà attendere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Schwazer, il Tribunale di Losanna respinge la richiesta di sospensione della squalifica. Il legale: “Porteremo le prove necessarie”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Milano-Cortina: dovevano essere i giochi a costo zero per lo Stato, ma il governo ha stanziato un miliardo di euro in manovra

next