Due altoforni in esercizio e un terzo forno elettrico alimentato con il preridotto, produzione a 8 milioni di tonnellate e livelli occupazionali garantiti. Può riassumersi così il piano del governo per l’Ilva, annunciato dal ministro Stefano Patuanelli dopo quello illustrato da ArcelorMittal che prevede 4.700 esuberi al 2023. E la differenza principale è tutta lì: il numero degli occupati, tema più delicato e importante per l’esecutivo. Le indiscrezioni filtrate sui quotidiani, infatti, raccontano di diverse similitudini tra i due progetti e alcune profonde divergenze, legate alla quantità della produzione e ad interventi che garantirebbero una ‘vita’ più lunga allo stabilimento di Taranto.

Gli altoforni – Il governo vorrebbe mantenere il ciclo integrale su due altoforni, proprio come ArcelorMittal. La differenza è legata a quali: la multinazionale parla dell’1 e del 4, mentre l’esecutivo del 4 del 5. La differenza è sostanziale: i due tenuti in vita dai franco-indiani permettono una produzione di 4,8 milioni di tonnellate annue di acciaio, l’accoppiata voluta dal governo permette di arrivare a 6 milioni. C’è un altro dettaglio: l’altoforno 5 è attualmente spento e andrebbe ristrutturato con un investimento importante e questo, tra le righe, garantirebbe la permanenza a Taranto per circa 15 anni così da ‘ripagarlo’.

Il forno elettrico – Entrambi i progetti prevedono la costruzione di un forno elettrico ad arco. ArcelorMittal sostiene di volerne costruire uno a caricamento “ibrido” con rottame e ghisa liquida, mentre il governo prevede l’uso del preridotto. Questa soluzione non è comunque esclusa dalla multinazionale che nelle slide presentate al ministero dello Sviluppo Economico spiega di volerlo “predisporre” a “futuro caricamento con Dri”, ovvero proprio il preridotto. Sotto il profilo della capacità produttiva cambierebbe poco: ArcelorMittal parla di 1,2 milioni di tonnellate, il governo di 1,5.

La manodopera – Sostanziale è però la differenza sotto il profilo occupazionale delle due tecnologie applicate. E, sopratutto, della capacità produttiva totale. Gli 8 milioni auspicati dall’esecutivo – e previsti da Mittal nel precedente piano industriale che gli consentì di vincere la gara – garantirebbe sostanzialmente di restare sui livelli attuali. I 6 milioni della multinazionale presuppongono i 4.700 esuberi e minori investimenti, come il mancato “revamping” dell’altoforno 5. In uno scenario variabile del mercato dell’acciaio dal 2021 in poi (gli interventi richiederebbe un periodo di transizioni di circa 2 milioni) non è possibile avere certezze oggi su quanta produzione di acciaio – oggi con 4,5 milioni di tonnellate, ArcelorMittal dice di perdere quasi 2 milioni di euro al giorno – garantirebbe al siderurgico tarantino di avere i conti in ordine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, ArcelorMittal rischia di pagare 700 milioni di penale per i 4700 esuberi. “Clausola nel contratto da 150mila euro a lavoratore”

next
Articolo Successivo

Nutella, cosa c’è dietro la polemica di Salvini. Ferrero compra nocciole turche: la produzione italiana non basterebbe a coprire il fabbisogno

next