Ha aperto il fuoco nella base navale di Pensacola (Florida), uccidendo tre persone e ferendone altre sette. Poi è stato ucciso dalla polizia. Il marinaio che ha sparato era uno studente di aviazione saudita, sotto terapia psicologica e scontento dei suoi comandanti. È entrato in azione poco prima delle 7 (le 13 in Italia) aprendo il fuoco in un edificio che ospita classi per l’addestramento. Sono state scene di panico, con cadetti e ufficiali in fuga o asserragliati nelle aule, mentre scattava immediatamente il lockdown, ossia il totale isolamento della base. Il killer ha colpito dieci persone, di cui due morte sul posto e una all’ospedale. Le altre sette sono rimaste ferite. Tra loro anche i due vice sceriffi che per primi sono intervenuti per neutralizzarlo, uccidendolo: uno è rimasto ferito ad un ginocchio, l’altro ad un braccio ma nessuno dei due è in pericolo di vita. Seconda sparatoria in due giorni in altrettante storiche basi navali Usa, ma questa volta la provenienza del killer ha fatto scattare anche le indagini dell’Fbi per accertare se si tratti di un episodio di terrorismo. Dopo l’attacco mercoledì a Pearl Harbor, oggi è stato il turno della Naval Air Station (Nas) di Pensacola, blasonata base aeronavale in Florida, dove sono impiegati 16 mila militari e 7400 civili.

Nella prima conferenza stampa le autorità hanno parlato soltanto del numero delle vittime e dei feriti. Il comandante della base, il capitano Timothy Kinsella, non ha voluto fornire le generalità dell’assalitore né dire se fosse un militare. L’ufficiale ha glissato anche sull’ipotesi di un atto di terrorismo. “Ci sono ancora indagini in corso, insieme all’Fbi”, ha risposto. Non sono state diffuse neppure le identità delle vittime. “Sono parte della famiglia della Marina“, si è limitato a dire.

Ma poi sono arrivate le prime indiscrezioni giornalistiche basate su fonti militari, secondo cui il killer era uno studente saudita. Forse uno dei tanti studenti di Paesi alleati o partner che gli Usa addestrano nelle loro basi, dove ora potrebbe essere scattato un controllo generale sul personale straniero. E gli investigatori stanno accertando se l’episodio può essere legato al terrorismo.

Il presidente Donald Trump è stato tenuto aggiornato sulla sparatoria, mentre il vice Mike Pence ha affidato a Twitter il suo messaggio di condoglianze per “l’orribile” strage. La base di Pensacola risale agli anni ’20 dell’Ottocento ed è considerata la casa dell’aviazione navale. Sin dalla prima guerra mondiale, gran parte degli aviatori della Marina e del corpo dei Marine hanno cominciato qui i loro voli di addestramento. Ospita anche la pattuglia acrobatica della Marina, i Blue Angels, e il National Naval Aviation Museum, un’attrazione turistica molto popolare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

India, stuprano ragazza e la ammazzano: uccisi dalla polizia. A Unnao violentatori bruciano 25enne che li aveva denunciati

next
Articolo Successivo

Merkel per la prima volta ad Auschwitz da cancelliera: “Ferite che non guariscono mai. Mi inchino di fronte alle vittime della Shoah”

next