Philips Moda 276 è un nuovo monitor LCD da 27 pollici di diagonale che si contraddistingue per il design minimale, insomma un prodotto per quella clientela che in ambito domestico oppure in ufficio non vuole tecnologia appariscente.

Il monitor Moda 276 ha ingombri ridotti e la caratteristica che Philips definisce “Zero Bezel” indica una cornice estremamente piccola, quasi assente. Inoltre ha uno spessore di soli 6,1 mm. Tutte le scelte di design hanno portato non a caso all’aggiudicazione del RedDot Design Award 2018.

Il pannello LCD IPS LED integrato è un Quad HD con risoluzione di 2560 x 1440 pixel, 350 lumen di luminosità e contrasto da 1000:1. In pratica in abbinamento alle tecnologie CrystalClear e Ultra Wide-Color dovrebbe consentire di ottenere un’immagine accurata e con uno spettro di colori vivido. Ovviamente si tratta pur sempre di un prodotto sviluppato per esigenze non-professionali, quindi i fotografi dovrebbe volgere lo sguardo ad altre linee prodotto. La presenza della tecnologia AMD FreeSync consente una risposta rapida e grande fluidità nelle sessioni di gioco. In ambito lavorativo invece la modalità LowBlue e la tecnologia EasyRead dovrebbero ridurre l‘affaticamento della vista.

Non manca poi la porta USB-C con l’alimentazione per beneficiare di un trasferimento di dati ad alta velocità USB 3.2, guardare video ad alta risoluzione e accendere e ricaricare computer portatili compatibili direttamente dal monitor. Presenti anche i supporti HDMI e HDR 10 a sottolineare anche la vocazione cinematografica.

Philips Moda 276 è disponibile da questo mese con un prezzo suggerito di 369 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

All’Università di Osaka si testa la comunicazione wireless 6G a 30 Gbps

prev
Articolo Successivo

Apple Watch Series 4, smartwatch con funzioni telefoniche complete in sconto su Amazon

next