“Andrò in una squadra che deve vincere di nuovo, che deve rinnovare la propria storia, che è in cerca di una sfida contro tutti. Solo così riuscirò a trovare gli stimoli necessari per sorprendervi ancora. Come calciatore non si tratta solo di scegliere una squadra, ci sono altri fattori che devono quadrare. Anche negli interessi della mia famiglia… Ci vediamo presto in Italia“. Lo ha confessato Zlatan Ibrahimovic, uomo copertina della Christmas Issue di GQ Italia in edicola dal 5 dicembre. Un futuro che, nella descrizione dell’attaccante svedese, corrisponde all’identikit del Milan. I rossoneri sono alla disperata ricerca di un attaccante che possa far svoltare la stagione. Anche se nella corsa a conquistare Ibra c’è anche il Napoli, specialmente se dovesse centrare l’obiettivo degli ottavi di Champions League.

Il magazine maschile ha fotografato a Los Angeles l’attaccante 38enne in stile Pulp Fiction, realizzando una lunga intervista in cui parla del Milan, delle liti con Materazzi, di Ronaldo il brasiliano come giocatore preferito. “Ci sono calciatori che giocano a calcio e altri che pensano il calcio. Quando uno pensa inventa un nuovo modo di fare calcio, gli altri seguono e basta. Io amo fare la differenza. Non voglio fare bene solo una o due cose, voglio farle bene tutte”, ha aggiunto Ibra che ha vinto i campionati di Olanda, Italia, Spagna e Francia.

“Sono molto contento di aver fatto questa esperienza a Los Angeles, anche perché dopo l’infortunio molti dicevano che non sarei più stato in grado di giocare, invece ho dimostrato che posso ancora fare la differenza. Ma dopo due anni ho detto basta. Qui a livello tecnico e tattico devono ancora crescere. Per correre, corrono, fisicamente sono delle bestie. Ma non sono abituati a giocare con i piedi, perché in tutti i loro sport tradizionali usano le mani”, ha raccontato Ibra che nella sua esperienza al LA Galaxy ha segnato 52 gol in 58 partite disputate.

Zlatan ha parlato anche della crescente ondata di razzismo sugli spalti degli stadi. “Mettere la maglia “No al razzismo” e sventolare la bandiera “No al razzismo” è bello, ma non risolve il problema. Meglio togliere tre punti, sospendere la partita e perdere l’incasso, così rischi di andare in serie B. Devi essere severo, la gente non capisce fino a quando non paga le conseguenze. Quando ero in Italia mi gridavano ‘Zingaro!‘. È razzismo anche quello, è ignoranza, anche se poi quando mi vedono fuori dallo stadio mi fanno i complimenti e vogliono farsi una foto con me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Razzismo negli stadi, De Siervo: “Microfoni spenti verso le curve servono a evitare emulazioni dei ragazzi. Non è un controllo”

next
Articolo Successivo

La gaffe di Guardiola: “Credo che il Bayern…”. Poi si dispera: “Ma che c*** stavo pensando?”

next