La Formula E, competizione di monoposto elettriche che fa tappa anche a Roma, dalla stagione 2020/2021 sarà ufficialmente un campionato mondiale FIA. La notizia arriva dopo la quinta stagione della kermesse, quella che ne ha definitivamente sancito il successo di pubblico e interesse a livello mondiale attirando costruttori importanti, tra i quali ultimi in ordine di tempo Mercedes-Benz e Porsche.

I membri della Federazione internazionale dell’auto, organo di governance tecnico e sportivo del motorsport a livello mondiale presieduto da Jean Todt, insieme con quelli del FIA World Motor Sport Council (WMSC) hanno preso la storica decisione in seguito ad una votazione dall’esito positivo, che ha certificato l’ingresso delle gare a elettroni nel giro che conta.

Lo status ufficiale di campionato mondiale è stato sancito a Parigi, con le firme dello stesso Todt e del presidente di Formula E Alejandro Agag, che ha così commentato : “È stata da sempre una nostra ambizione diventare un campionato del mondo FIA. Tutto ciò che abbiamo costruito e per cui abbiamo lavorato fino ad oggi aveva questo come obiettivo. Questo accordo consente a Formula E di entrare di diritto nella massima serie di corse internazionali, ma rappresenta anche un riconoscimento dell’impegno delle tante persone che hanno creduto nel progetto”.

Sulla stessa linea, le dichiarazioni del il presidente Fia Todt: “Dalla prima gara a Pechino nel lontano 2014, la Formula E ha dimostrato gara dopo gara che il concetto d’avanguardia delle corse elettriche ha funzionato. E oggi, con tutto il cuore do il benvenuto a Formula E in qualità di campionato del mondo FIA”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Black Friday 2019, tutti gli sconti dei costruttori da FCA a Harley-Davidson

next
Articolo Successivo

Crash test EuroNCAP, cinque stelle per 9 modelli su 12. Bene le elettriche, solo 3 stelle per Jeep Renegade

next