Un movimento apparentemente semplice, ma che riesce solo alle donne. È la “chair challenge”, cioè la “sfida della sedia”, l’ultima novità social diventata virale sopratutto su Tik Tok che vede scontrarsi i due sessi.

Partecipare è semplice: bisogna mettersi davanti a un muro, fare due passi indietro mettendo un piede dietro l’altro, unire i piedi e poi chinarsi con la testa verso la parete, senza piegare le gambe e formando una “elle”. Poi il partecipante deve afferrare una sedia, appoggiarla al petto e provare a sollevarla mentre lentamente torna in posizione eretta. Tutto senza piegare le gambe.

A vincere, almeno nei video esilaranti pubblicati sul social, sono sempre e solo le donne. Una spiegazione non è ancora stata data, ma secondo alcuni è da ritrovare nel baricentro, più basso nel sesso femminile

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Paola Ferrari: “Diletta Leotta a Sanremo? Io vorrei Bebe Vio accanto ad Amadeus non una donna scelta per le sue forme”

next
Articolo Successivo

Biagio Antonacci a FqMagazine: “C’è molta confusione in giro, la crisi di oggi nasce dalla paura di non farcela e da una politica instabile”

next