Dopo l’aggressione di sabato da parte di antagonisti al sindaco leghista di Massa, Matteo Salvini torna sul fatto con un duro post su Facebook: “Quando una certa parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia, ricorre all’odio e alla violenza fisica. Purtroppo è una storia già vista ed è richiesta la massima vigilanza da parte di tutti. Questo non è dibattito di idee, anche acceso. Questo è nazismo rosso“. Salvini ha pubblicato anche una foto del presunto aggressore e la scritta: “Ecco i democratici di sinistra che sputano al sindaco di Massa”. “Ancora solidarietà al nostro sindaco, all’assessore e ai loro famigliari – scrive il leader della Lega – vigliaccamente aggrediti (non solo a sputi) ieri sera a Firenze. Noi andiamo avanti a testa alta, armati di sorriso e di fiducia nei nostri progetti di Buongoverno per l’Emilia-Romagna, la Toscana e per tutta Italia. Non si molla, per il bene del nostro Paese e dei nostri figli”.

Secondo quanto raccontato dai diretti interessati, il sindaco di Massa Francesco Persiani e l’assessore Veronica Ravagli sono stati accerchiati da un gruppo di antagonisti e aggrediti con insulti, spinte e sputi mentre andavano alla cena elettorale con Matteo Salvini, che si è tenuta sabato a Firenze. L’episodio è avvenuto in via Aretina, a poche centinaia di metri dal Tuscany Hall, dove si teneva l’iniziativa del Carroccio. Persiani e Ravagli erano appena arrivati a Firenze con le rispettive famiglie. “Avevamo parcheggiato in via Aretina per andare alla cena – ha spiegato Ravagli -, quando un gruppo di persone, una quarantina, che non stavano manifestando, hanno iniziato a insultarci e poi ci hanno circondato con fare minaccioso. Vicino non c’erano forze dell’ordine ed è arrivata solo una vigilessa”. Ravagli ha spiegato che, impaurita, ha preso “il telefono e iniziato a girare un video. A quel punto mi hanno strappato il telefono gettandolo via e sono stata spinta a terra. Nel frattempo hanno sputato in faccia al sindaco e a mio marito”. “Ci hanno circondato minacciandoci che ci avrebbero picchiato – ha detto Persiani – Ci siamo impauriti perché eravamo soli. Un esposto sicuramente lo faremo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Austostrade, Di Maio: “Benetton surreale. Sulla revoca della concessione M5s tira dritto”

prev
Articolo Successivo

Sardine, “Milano non si Lega”. “25mila in piazza Duomo” nonostante la pioggia. L’evento inizia con la lettura della Costituzione – FOTO

next