Tre insegnanti di una scuola materna di Podenzano, in provincia di Piacenza, sono state arrestate. Secondo gli investigatori, l’accusa è di maltrattamento sui bambini. Le tre donne, tra cui anche un suora, sono ora ai domiciliari su ordinanza di custodia emessa dal gip al termine delle indagini svolte dai carabinieri della stazione di San Giorgio Piacentino. Per le indagini, coordinate dalla Procura piacentina e scattate dopo le segnalazioni di alcuni genitori, i militari si sono serviti anche di telecamere nascoste piazzate nella scuola per accertarsi dei presunti maltrattamenti. Dopo gli arresti, l’istituto, privato, è rimasto chiuso.

“Sono esterrefatto e incredulo – precisa il sindaco di Podenzano Alessandro Piva – on avrei mai potuto immaginare una cosa del genere sul nostro territorio. Qualora siano stati commessi dei reati, questi vanno perseguiti, a maggior ragione visto che sarebbero a carico di minori. Anche se si tratta di un istituto privato, sono vicende che un sindaco e un’amministrazione non vorrebbe mai avere. Abbiamo fiducia nella magistratura e speriamo non sia accaduto qualcosa di grave a questi bambini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omicidio Sacchi: “Anastasia ha agito con freddezza e professionalità. Ha avuto un ruolo centrale nell’acquisto della droga”

prev
Articolo Successivo

Fondazione Open, i tweet pro Renzi spostano la narrazione. E i russofobi, chissà perché, sono spariti

next