Uccise l’ex moglie, che lo aveva già denunciato in passato, con una coltellata al cuore lo scorso febbraio. È stato condannato all’ergastolo in abbreviato il tunisino Arjoun Ezzedine, 35 anni, a processo a Bergamo per aver ucciso l’ex moglie con un coltellata. Il giudice per l’udienza preliminare, Massimo Magliacani, ha disposto anche un risarcimento di quasi un milione di euro alla famiglia della vittima, Marisa Sartori, di 25 anni. L’imputato ferì anche la sorella della moglie, Deborha, di 23 anni. L’assassinio era avvenuto a Curno, nel garage della casa dei genitori della vittima, parrucchiera: lì la giovane era tornata a vivere dopo aver lasciato il marito.

Lui l’aveva minacciata più volte e lei lo aveva denunciato. Poi l’agguato nel garage. Con la vittima c’era la sorella: la furia dell’uomo si era scatenata anche contro di lei: l’aveva colpita più volte all’addome, lasciandola a terra ferita gravemente. La giovane era stata portata all’Ospedale Papa Giovanni dove è stata subito sottoposta a un intervento chirurgico e ora è ricoverata in terapia intensiva. Poi le sue condizioni erano migliorate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucchi, abbiamo vinto tutti. Ma per avere giustizia non deve servire la forza di una sorella

next
Articolo Successivo

Padre e figlio progettavano di far saltare una moschea: il gip di Siena convalida il fermo ma esclude la finalità terroristica

next