Lui l’aveva minacciata più volte, lei lo aveva denunciato. “Era da sapersi che finiva così” dice uno zio di Marisa Sartori, una ragazza di 25 anni di Curno, nella Bergamasca, uccisa sabato 2 febbraio in serata dall’ex marito, Arjoun Ezzedine, un tunisino di 35 anni, con un’unica, fatale coltellata al cuore. È successo in via IV Novembre al civico 23, dove si trova un complesso di case comunali.

Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, l’uomo – che non avrebbe accettato la separazione – l’avrebbe aspettata sotto casa, nel garage, per poi colpirla a morte. Con la vittima c’era la sorella Deborha, di 23 anni. La furia dell’uomo si è scatenata anche contro di lei: l’ha colpita più volte all’addome, lasciandola a terra ferita gravemente. La giovane è stata portata all’Ospedale Papa Giovanni dove è stata subito sottoposta a un intervento chirurgico e ora è ricoverata in terapia intensiva. Le sue condizioni restano gravi.

Il magistrato ha disposto l’arresto dell’uomo con l’accusa di omicidio e tentato omicidio. Il delitto è avvenuto a meno di 20 giorni da quello di Gorlago, un altro fatto di sangue che ha sconvolto la Bergamasca. 

Domani sera è prevista una nella chiesa parrocchiale di Curno, 7mila abitanti, mentre il Comune ha collocato le bandiere a mezz’asta in segno di lutto. Verrà probabilmente proclamato il lutto cittadino nella triste occasione dei funerali di Marisa. Ieri sera anche il sindaco Luisa Gamba è giunta alla palazzina del delitto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, ai domiciliari tenente colonnello della Finanza: “Sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione”

next
Articolo Successivo

Caserta, due uomini in bicicletta investiti e uccisi da un’auto pirata: nessun segno di frenata

next