YouTube ha deciso di celebrare la musica dei Queen e “Bohemian Rhapsody”, un cult-video da 1 miliardo di visualizzazioni, con una sfida canora online che mette in gioco l’abilità degli utenti, intelligenza artificiale (AI) e machine learning. Da oggi infatti è disponibile FreddieMeter, uno strumento online che analizza “l’intonazione, il timbro e la melodia di chi canta, per poi assegnare un punteggio incluso fra 0 e 100”. La sfida è quella di avvicinarsi il più possibile a Freddie Mercury.

In pratica accedendo alla specifica pagina web e abilitando il proprio microfono viene chiesto di scegliere fra quattro grandi classici cantati dal mito: Don’t stop me now, We are the champions, Bohemian Rhapsody o Somebody to love. Dopodiché se si desidera si può anche attivare la propria webcam o videocamera (funziona anche via smartphone iPhone o Android) e procedere con la registrazione della propria performance. Durante la fase di karaoke digitale vengono riprodotti la musica, il testo e un indicatore grafico che mostra in tempo reale i risultati. Alla fine si ottiene un punteggio e si può condividere la performance con amici e conoscenti.

Questa è la procedura nei dettagli:

  • SING: Scegli uno fra i quattro brani dei Queen presenti sul sito (Bohemian Rhapsody, Don’t Stop Me Now, Somebody to Love o We Are the Champions) e canta a squarciagola!
  • SHARE: Una volta ottenuto il tuo punteggio, condividilo! Scarica la scorecard personalizzata direttamente sul tuo dispositivo, quindi condividila su YouTube e altri social media.
  • CHALLENGE: Usando l’hashtag #FreddieChallenge sui canali social, puoi sfidare tre amici.
  • DONATE: Puoi supporta il Mercury Phoenix Trust con una donazione su http://www.mercuryphoenixtrust.com/donate

Il progetto curato da Google Creative Lab e Google Research, in collaborazione con i Queen, Universal Music Group e Hollywood Records, punta non solo a permettere ai fan di tutto di tutto il mondo “di conoscere quanto la loro voce corrisponda” a quella del leggendario Freddie Mercury. Ma rappresenta anche un’iniziativa a sostegno del Mercury Phoenix Trust, l’organizzazione benefica fondata da Brian May, Roger Taylor e Jim Beach per sensibilizzare e finanziare la lotta contro l’HIV / AIDS “e celebrare il 44° anniversario della prima esecuzione live di ‘Bohemian Rhapsody’ da parte della band”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon Music Unlimited in promozione, 4 mesi di accesso a oltre 50 milioni di brani a 0,99 euro

prev
Articolo Successivo

WideSee, la tecnologia wireless per droni che rileva le persone intrappolate negli edifici

next