Presto potremo cantare le nostre canzoni preferite mentre le ascoltiamo tramite Spotify, per un effetto karaoke istantaneo. Il noto servizio di streaming musicale ha infatti avviato la fase di test di una nuova funzione che consentirà di sincronizzare la visualizzazione del testo di un brano con la sua riproduzione in tempo reale.

‎In realtà non è la prima volta che Spotify‎‎ si occupa dei testi dei brani. Behind the Lyrics ad esempio è una funzione assai amata ma in quel caso il focus è sulla comprensione del significato del testo, una componente comunque importante per gli appassionati, senza contare che diversi anni fa una funzione simile era presente, seppur solo nella versione desktop, prima di essere rimossa.

Con questo nuovo esperimento però Spotify sta tentando di emulare quanto già fatto da ‎‎Apple Music. Per sapere come funziona, basta dare un’occhiata ai tanti screenshot postati sui social dagli utenti che hanno già accesso a questa nuova funzione.

In pratica, da quanto si può vedere, attivando l’opzione, un box sarà visualizzato in sovrimpressione rispetto alla schermata principale (ma ovviamente lasciando liberi i comandi principali per il controllo della riproduzione musicale. Al suo interno il testo del brano scorrerà dal basso verso l’alto, apparendo man mano che la canzone procede, così da mostrarci soltanto le parole che vanno cantate di momento in momento.

Una soluzione semplice quanto efficace quindi. Una curiosità: a giudicare dal logo che si può vedere in alto a destra, il servizio è stato sviluppato grazie alla tecnologia Musixmatch, azienda originaria di Bologna, che ha uffici anche a San Francisco e Londra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

ASUS TUF Gaming H3, cuffie da gaming con audio surround 7.1 e design leggero a 59 euro

prev
Articolo Successivo

WD My Book Duo, sistema di archiviazione desktop da 16 TB con sconto del 42% su Amazon

next