Finisce 7-6 6-3, con il rammarico per come è andato il tie-break e per il black out nel primo gioco del secondo set. Non è la batosta presa da Novak Djokovic, ma la sostanza non cambia: Matteo Berrettini perde anche il secondo match della sua avventura alle Atp Finals di Londra. Il numero 8 al mondo non riesce neanche stavolta a battere il mito Roger Federer. A quattro mesi dalla lezione negli ottavi di Wimbledon, il tennista azzurro è stato sconfitto in due set: questa volta nessuna resa immediata, ma una partita combattuta in cui a fare la differenza è stata la freddezza dello svizzero nei momenti decisivi, come il tie-break del primo set dove invece Berrettini ha regalato anche un doppio fallo.

L’obiettivo delle semifinali, già proibitivo, diventa quasi impossibile. Teoricamente il 23enne romano ha ancora una possibilità per passare da secondo nel gruppo Borg: se Dominic Thiem perdesse stasera contro Novak Djokovic e Berrettini nella terza giornata si imponesse sull’austriaco, ci sarebbe ancora uno spiraglio. Servirebbe un successo dello stesso Djokovic su Federer: a quel punto, si ritroverebbero tre tennisti con una sola vittoria e conterà il quoziente set, il quoziente game e poi la miglior classifica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadal furioso col giornalista italiano: “Davvero mi stai chiedendo questo? Basta, sono stronz***”

prev
Articolo Successivo

Bari-Bisceglie, il carosello dei tifosi in trasferta non passa inosservato: 40 chilometri di fumogeni, clacson e bandieroni

next