Dopo 131 anni dalla sua fondazione, il Financial Times, il noto quotidiano economico-finanziario britannico, ha nominato il suo primo direttore donna. Roula Khalaf, già vicedirettrice e caporedattrice Esteri del giornale di Londra succederà, ha annunciato lo stesso Ft, a Lionel Barber, in carica dal 2006. “Sono emozionata nell’annunciare che sarò il prossimo direttore del Ft – ha scritto la giornalista sul proprio profilo Twitter – Che privilegio succedere al grande Lionel Barber”.

Al Financial Times dal 1995, Khalaf, che ha il doppio passaporto britannico e libanese essendo nata a Beirut, si è occupata prevalentemente di Affari internazionali, con una particolare attenzione alle vicende riguardanti il Medio Oriente. Ha iniziato come corrispondente dal Nord Africa, spostandosi poi nell’area mediorientale e, infine, diventando caporedattore per il Medio Oriente e poi caporedattore Esteri. È dopo l’annuncio di dimissioni da parte di Barber, che si concretizzeranno a gennaio 2020, che Khalaf è stata scelta, dopo essere diventata vicedirettrice nel 2016, per guidare la prestigiosa testata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Signor Odiatore, tu non lo sai ma io ti conosco

next
Articolo Successivo

Google l’usignolo ‘canta’ i dati sanitari degli americani. Quando toccherà a noi?

next