“Ci siamo ripromessi una cooperazione per cercare di confrontarci sulle soluzioni più avanzate dal punto di vista tecnologico e condividere le conoscenze” nel settore dell’acciaio. Lo ha detto Giuseppe Conte dopo aver incontrato a Roma la cancelliera tedesca Angela Merkel, con la quale il presidente del Consiglio ha parlato della questione ArcelorMittal e ex Ilva. “Lavoriamo per una soluzione che tenga in piedi la tutela della salute e la salvaguardia del lavoro. E’ la sfida del governo”, ha aggiunto il premier.

Nella conferenza stampa i capi dei governi di Italia e Germania hanno affrontato il tema dell’unione bancaria europea: “L’Italia è fautrice del rafforzamento della Unione bancaria europea, ma riteniamo debba rafforzarsi in tutte le sue componenti – ha detto Conte – Non temiamo scossoni per il nostro sistema” che ha compiuto “passi avanti su alcuni punti critici del passato. Siamo sereni in questa discussione, ma crediamo debba procedere in modo equilibrato”. “Mi sono aggiornata sullo sviluppo dei rischi nel sistema bancario italiano e devo esprimere la mia soddisfazione: avete compiuto notevoli progressi“, ha riconosciuto la cancelliera.

Nel colloquio tra i due anche la questione dei flussi migratori: “Grazie all’Italia per il suo impegno in Libia“, ha detto la cancelliera al premier, ringraziando anche per la “vostra partecipazione” alla conferenza di Berlino sul Paese nordafricano: “Mi fa piacere che sarai a Berlino alla conferenza sull’Africa”, ha detto al cancelliera, sottolineando che adesso “abbiamo bisogno di un cessate il fuoco“. “Noi vogliamo combattere le cause dei movimenti migratori – ha proseguito il capo del governo tedesco – E’ importante aprire delle prospettive ai giovani africani”. In questo contesto “la cooperazione con la guardia costiera libica è di grande importanza”, ha aggiunto la Merkel, ma dobbiamo coinvolgere “anche l’Unhcr e le ong e garantire degli standard ragionevoli” sui diritti umani “che non esistono in tutta la Libia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giorgetti: “Sediamoci a un tavolo per cambiare tre-quattro regole del gioco e per dare un governo decente a questo Paese”

prev
Articolo Successivo

“Eravamo tanto amati”, un documentario racconta la sinistra di ieri e di oggi a 30 anni dalla svolta della Bolognina. Guarda l’estratto

next