Sono uno originario di Reggio Calabria e due di Alessandria i tre Vigili del fuoco vittime dell’esplosione la notte tra lunedì e martedì nella cascina esplosa in via Francesco d’Assisi a Quargnento, nell’alessandrino.

Calabrese era Antonio Candido, Nino per gli amici, 32 anni. Si era però trasferito in Piemonte, ad Albenga, dove viveva con la moglie e con due pitbull. Aveva frequentato l’istituto “Augusto Righi” a Reggio Calabria. Era figlio e nipote d’arte: anche il padre era un Vigile del fuoco, Angelo, caporeparto in servizio nel comando provinciale di Reggio Calabria. Negli uffici amministrativi del comando provinciale lavora anche una sua zia. “In seguito alla tragica scomparsa del giovane reggino – si legge in una nota del Comune di Reggio Calabria – il sindaco Giuseppe Falcomatà, ha disposto la proclamazione del lutto cittadino per il giorno delle sue esequie”.

Il collega Marco Triches, 38 anni, invece, aveva frequentato l’istituto superiore “Alessandro Volta” di Alessandria, la sua città natale. Viveva poco distante, a Valenza, paese di quasi 19mila abitanti. Anche lui lascia la moglie. Nella sua pagina Facebook sono tante le foto che lo ritraggono con una macchina fotografica in mano. Una passione che coltivava da tempo. “È andato incontro al suo destino, con il senso del dovere che contraddistingue chi opera silenziosamente per il nostro benessere”. Rende omaggio così il suo concittadino il sindaco di Valenza, Gianluca Barbero. E aggiunge: “Un valenzano, uno dei nostri ragazzi, uno dei tanti che sposano la nostra comunità per lavoro o per amore o per scelte che li portano a essere qui con noi e molto spesso la parte migliore di noi”.

La terza vittima è Matteo Gastaldo, 46 anni. Viveva con la compagna e con la figlia di 9 anni a Gavi, paesino di 4mila e 500 abitanti in provincia di Alessandria. A Casale Monferrato, invece, aveva studiato all’istituto alberghiero “Artusi”. “Matteo era un gaviese doc – lo ricorda il vicesindaco di Gavi Nicoletta Albano – Durante l’ultima emergenza maltempo, che ci ha messo in ginocchio, è stato sempre in prima linea, sia come vigile del fuoco sia come compaesano. Matteo deve il suo nome al nonno, che qui ha fondato la storica gelateria oggi gestita dal fratello”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandria, il procuratore Enrico Cieri: “Atto doloso e preordinato. L’ipotesi è che qualcuno abbia voluto far saltare in aria l’edificio”

prev
Articolo Successivo

Alessandria, Luca Cari (Vigili del fuoco): “No volontà di colpire nostra squadra. Causa seconda esplosione è sotto le macerie”

next