La nuova finanziaria del governo giallorosso si sta delineando. Per la sanità si prevedono nuove spese nell’ultima bozza. L’articolo che mi ha lasciato esterrefatto è il numero 55 che prevede l’acquisto di apparecchiature sanitarie per i medici di base e che così recita:

“Per migliorare il processo di presa in cura dei pazienti e ridurre il fenomeno delle liste d’attesa, viene autorizzato un contributo pari a 235.834.000,00 euro per l’acquisto di apparecchiature sanitarie per i medici di medicina generale. Lo stanziamento andrà a valere sull’importo fissato dal fondo per l’edilizia sanitaria nell’ambito delle risorse non ancora ripartite alle regioni. I trasferimenti in favore delle regioni saranno disposti sulla base di un piano dei fabbisogni predisposto e approvato nel rispetto dei parametri fissati con decreto del Ministro della salute, da adottarsi entro il 31 dicembre 2019, previa intesa in sede di Conferenza Stato Regioni. Inoltre, le apparecchiature sanitarie di proprietà delle aziende sanitarie, saranno messe a disposizione dei medici secondo modalità individuate dalle aziende stesse.”

Mi domando a chi possa esser venuta in mente una cosa del genere. Come si può continuare a pensare di spendere soldi per non risolvere nulla?

Già tempo fa spiegai l’inutilità della spesa di 120 milioni di euro all’anno, solo in Regione Lombardia, per la cosiddetta “presa in carico”: medici di base pagati di più solo per seguire il percorso diagnostico e terapeutico, ad esempio aiutando a prendere gli appuntamenti ai pazienti.

Ora credo che spenderne altri 235 milioni di euro, su base nazionale, per “attrezzare” gli studi dei medici di base al fine di aiutarli nella diagnosi e nella terapia sia addirittura peggio. Cosa vorrebbero fare? Comprare dei piccoli apparecchi per fare gli esami del sangue, piccoli elettrocardiografi o piccole apparecchiature per le radiografie?

Caro ministro della Salute, che ha un nome che è Speranza, o chi per esso non crede che la mia idea, che illustro da tempo, di trasferire i medici di base a presiedere a turno i Pronto Soccorso distrettuali dove sono presenti tutti gli apparecchi usati da mani esperte sia meglio e risparmieremmo soldi? In fondo i medici del territorio sono dipendenti statali e come gli ospedalieri non ci sarebbe nulla di male che fossero a turnare in ospedale 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Si ridurrebbe il tempo di attesa in pronto soccorso utilizzando altri medici che finalmente si confronterebbero con i colleghi specialisti sul campo in modo più ampio e diretto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, alcuni ricchi sostengono la forte tassazione proposta dalla Ocasio-Cortez. Altro che flat tax

prev
Articolo Successivo

Ex-Ilva, L’ArcelorMittal si ritira. Ecco come agisce il turbocapitalismo globocratico

next