Atteggiamenti e azioni antidemocratici, anti-pluralisti, contrari all’umanità e di estrema destra che arrivano fino alla violenza vengono apertamente alla luce a Dresda in maniera sempre più forte”. Con questa motivazione il consiglio comunale della città della Sassonia, in Germania, ha votato una delibera in cui dichiara una “emergenza nazismo“.

“La città ha un problema con i nazisti e dobbiamo fare qualcosa”, ha affermato Max Aschenbach, consigliere del partito satirico Die Partei che ha lanciato l’idea della risoluzione. Sulla base della risoluzione la città della ex Ddr – dove è nato il movimento xenofobo anti-islam Pegida – si impegna perciò a rafforzare la quotidiana cultura democratica e a proteggere meglio minoranze e vittime di violenza di destra. L’atto è stato votato da Verdi, post-comunisti (Linke), Liberali (Fdp) e socialdemocratici (Spd) mentre a parlare di “mera politica dei simboli” ed “errore linguistico” è stato il partito cristiano-democratico (Cdu) di Angela Merkel.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, al via i pattugliamenti congiunti Russia-Turchia: mezzi blindati di Ankara presi a sassate dalla popolazione

next
Articolo Successivo

Muro di Berlino, 2mila metri di rete da pesca di fronte alla Porta di Brandeburgo. La suggestiva installazione per l’anniversario della caduta

next