Il vostro lucchetto per la bicicletta non è abbastanza sicuro? Abus, nota azienda produttrice di soluzioni per la sicurezza fisica di moto e bici, propone 770A SmartX, un prodotto smart decisamente fuori dagli schemi. È un modello ad arco piuttosto ingombrante, che ripaga delle dimensioni e del peso di 2 Kg con tecnologie all’avanguardia.

Grazie a una staffa parabolica quadrata in acciaio cementato da 13 millimetri, è certificato come modello di livello 15, che è il massimo per il segmento delle biciclette per resistenza al taglio e la manomissione. Al posto delle vecchie chiavi, comunque disponibili per i nostalgici, l’apertura e la chiusura si controllano via Bluetooth dallo smartphone. La “chiave wireless” esercitata tramite l’app sfrutta un canale cifrato che abilita lo sblocco di prossimità.

La parte più interessante di questo lucchetto è quella degli allarmi. Un piccolo movimento o un tocco del lucchetto genera un tono di avviso, mentre un vero e proprio tentativo di furto attiva l’allarme, che progressivamente può arrivare fino a 100 decibel per una durata di 15 secondi.

Inoltre, ABUS 770A SmartX resiste a temperature comprese tra -20 e +40 gradi e integra una batteria che si ricarica tramite porta USB-C. L’autonomia è definita adeguata ma non è dichiarata. A scanso di equivoci, consigliamo di tenersi sempre le chiavi in tasca, dato che a batteria scarica lo sblocco elettronico non funziona.

Chi è attirato da questa novità hi-tech sappia che sono in commercio due versioni da 230mm e 300mm di lunghezza (la larghezza è sempre di 108 mm), con prezzi che partono da circa 209 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Huawei Mate 30 Pro è lo smartphone tecnicamente perfetto, ma senza servizi Google

prev
Articolo Successivo

Intelligenza Artificiale, Internet degli Oggetti e robot per aiutare gli anziani soli, a Milano parte la sperimentazione

next