In estate sono in molti a riscoprire la bicicletta come mezzo di trasporto, ma anche come strumento per tenersi in allenamento e godersi le belle giornate. Essere costretti a usare il lucchetto è una scocciatura necessaria per prevenire furti, portarsi nello zaino una batteria per ricaricare lo smartphone anche, visto che non c’è l’accendisigari dell’auto a portata di mano. A questi due aspetti l’azienda svedese Stark Drive propone rimedi tecnologici brillanti, implementati nella e-bike Torque.

A un prezzo a partire da 999 dollari (che per una bicicletta di questo tipo è una quotazione molto bassa) si può avere un modello leggero con il telaio pieghevole, facile da riporre nel bagagliaio dell’auto, o da caricare sui mezzi di trasporto. A stupire è più che altro la dotazione tecnologica. Torque è dotata di un chip per comunicazioni NFC, lettore di impronte digitali per sbloccare la bici e impedire che qualcuno la usi senza permesso (può essere condiviso da varie persone) e di un pacco batteria da 18 Ampere per ora a cui sono collegate porte USB e funzionalità per la ricarica wireless, in modo da avere smartphone e altri dispositivi mobili sempre carichi.

La bici è anche motorizzata. La versione standard di Stark Drive Torque racchiude un motore mid-drive da 250 Watt con una coppia di 80 Nm, per una pedalata assistita fino a una velocità massima di 42 km/h. La più lussuosa Stark Drive Torque Max integra un motore Bafang Ultra Max da 1.000 Watt e pneumatici da fuoristrada, offre 160 Nm di coppia e può raggiungere una velocità massima di 62 km/h.

Entrambi i modelli sono dotati di cambio Shimano a nove velocità, sospensioni regolabili e freni a disco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intelligenza Artificiale riempie talmente bene gli spazi vuoti nelle foto che nemmeno un esperto se ne accorgerebbe

prev
Articolo Successivo

Lo scanner Fujitsu legge il palmo della mano per identificare gli utenti e sbaglia solo una volta su 10 milioni

next