Lewis Hamilton trionfa nel gran premio del Messico, ma la festa per il titolo mondiale è rinviata. Il pilota britannico della Mercedes centra il decimo successo stagionale e l’83esimo della carriera. La casa tedesca archivia la 100esima vittoria della propria storia nel circus. Hamiton precede la Ferrari del tedesco Sebastian Vettel e la Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

Quarta piazza per la Ferrari del monegasco Charles Leclerc, che ha pagato caro la scelta delle due soste. Decisiva infatti è stata la strategia delle gomme con il britannico che ha scelto un solo pit stop con le hard riuscendo a gestire la gara fino alla fine. Tra una settimana, ad Austin, Hamilton può centrare il sesto titolo Mondiale e superare Juan Manuel Fangio, piazzandosi dietro Michael Schumacher a quota sette.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Thiago Motta, prendendolo sul serio

next
Articolo Successivo

Prendere due gol da centrocampo in due minuti? Questo portiere è riuscito nel “miracolo”

next