Verstappen, poi Leclerc e Vettel. Questa la griglia di partenza del gran premio del Messico che però ha poi subito un colpo di scena: l’olandese della Red Bull è stato penalizzato perché non ha rallentato alla doppia bandiera gialla, quando Bottas è andato a sbattere sul muro all’ultima curva distruggendo la sua Mercedes. Partirà quindi in quarta posizione e la prima fila sarà tutta rosso Ferrari, mentre Lewis Hamilton partirà terzo.

Come nei due campionati precedenti, l’inglese in Messico potrebbe laurearsi campione del mondo: a quattro gran premi dalla fine della stagione 2019 il pilota della Mercedes è al comando della classifica piloti con 338 punti. Lo insegue il compagno di squadra Bottas, staccato però di 64 punti. Lontane le Ferrari: Leclerc terzo con un distacco di 115 punti da Hamilton e quarto l’altro ferrarista Vettel.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mick Schumacher, il figlio di Michael si candida per la Formula 1 e racconta: “Papà mi ha dato trucchi e suggerimenti”

next
Articolo Successivo

F1 Messico, ancora una volta un’occasione buttata

next