I biosensori indossabili che monitorano in modo non invasivo la salute e il fitness sono ormai popolari fra gli adulti. Realizzare una tecnologia analoga per i neonati è difficile, perché i dispositivi sono spesso ingombranti o hanno superfici rigide che potrebbero danneggiarne la pelle. I ricercatori della American Chemical Society hanno trovato una soluzione integrando la sensoristica in un ciucciotto. Ha la capacità di tenere traccia in tempo reale dei livelli di glucosio nella saliva e potrebbe aiutare a nella diagnosi e nella cura precoce del diabete.

I sensori sono una parte importante della diagnostica neonatale, anche perché i piccoli non possono comunicare. Quelli realizzati finora si basano su adesivi per la pelle o sono soluzioni integrate negli indumenti. L’impiego di queste soluzioni a lungo termine, tuttavia, arreca disagio ai piccoli pazienti. Inoltre, i prodotti così realizzati misurano solo dati quali la frequenza cardiaca o respiratoria. Sono esclusi i biomarcatori, come appunto il glucosio.

Quando si rivela la necessità di effettuare un monitoraggio continuo del glucosio nei neonati (disponibile solo nei maggiori ospedali), viene perforata la pelle. Joseph Wang, Alberto Escarpa e il gruppo di lavoro della American Chemical Society hanno sviluppato un biosensore adatto ai bambini, sottoforma di ciucciotto. Durante la suzione raccoglie la saliva e ne analizza i biomarcatori.

Il concept prevede una tettarella gommosa che contiene un piccolo tubicino, progettato affinché durante la suzione lasci passare piccole quantità di saliva. Attraverso il canale la saliva arriva in una camera di rilevamento. Lì, un enzima attaccato a una striscia di elettrodi trasforma il glucosio presente nel fluido in un segnale elettrico debole, che può essere rilevato in modalità wireless da un’app per smartphone. L’intensità della corrente è direttamente proporzionale alla quantità di glucosio presente nei campioni di saliva.

I ricercatori non hanno ancora testato il dispositivo con i bambini, hanno condotto un’analisi preliminare con pazienti adulti affetti da diabete di tipo 1. Utilizzando il ciucciotto, il team ha rilevato cambiamenti nelle concentrazioni di glucosio nella saliva dei pazienti prima e dopo i pasti. Il dispositivo potrebbe un giorno essere configurato per monitorare altri biomarcatori di malattie.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Software Heritage, la biblioteca mondiale del codice sorgente, apre a Bologna

next
Articolo Successivo

Huawei Nova 5T è lo smartphone da 430 euro per i giovani appassionati di fotografia

next