Chi usa Instagram, il social network delle foto, con l’ultimo aggiornamento acquisisce un maggiore controllo sui dati che l’app condivide con applicazioni e servizi di terze parti. Parliamo di tutte le applicazioni e i siti che si collegano all’app: ogni volta che si seleziona una voce come “Importa foto da Instagram” o “condividi su Instagram”, il servizio che si sta usando spedisce una richiesta a Instagram per accedere ai suoi dati. Lo stesso vale, ad esempio, per un’app che consente di stampare le foto di Instagram.

Instagram elimina la sezione “Seguiti”: ora non si può più controllare like e commenti dei profili che seguiamo/box_correlati]

Per beneficiare della novità bisogna mettere mano alle Impostazioni. Non è complicato: basta selezionare la voce “Sicurezza”, quindi quella “App e siti web”. Qui si potranno rimuovere tutti i servizi di terze parti che non si vogliono più collegare al proprio account Instagram. Una volta rimosso, il servizio non avrà più accesso ai nuovi dati dell’account.

Inoltre, ogni volta che si userà un nuovo servizio, sarà più chiaro quali dati in particolare vengono richiesti. Nel momento in cui viene ricevuta l’interrogazione da app o servizi terzi, Instagram visualizzerà una schermata di autorizzazioni che elenca tutte le informazioni a cui è richiesto l’accesso. Dalla stessa schermata si potrà toccare “Annulla” per interrompere il processo o “Autorizza” per consentire l’accesso all’app. Semplice, pratico.

È facile capire il motivo di questo cambiamento: l’esigenza di tutelare la privacy degli utenti è sempre più pressante e Instagram ha deciso di fare un passo evidente verso questo obiettivo. L’utente avrà qualche domanda in più a cui rispondere, ma sarà facilitato nella gestione dei propri dati.

Chi non ha ancora ricevuto l’aggiornamento con le novità illustrate non si preoccupi: l’azienda ha comunicato ufficialmente che saranno disponibili gradualmente nei prossimi sei mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Garmin Swim 2 è lo smartwatch fatto apposta per i nuotatori

prev
Articolo Successivo

Cercate lavoro? Basta una ricerca su Google per vedere tutte le offerte in circolazione

next