Il re del Marocco, Mohammed VI, ha concesso la grazia alla giornalista Hajar Raissouni incarcerata con l’accusa di “aborto illegale” e “relazioni sessuali fuori dal matrimonio”. A breve, come rivela una fonte governativa, verrà rilasciata: la reporter, di 28 anni, era stata condannata a un anno di carcere dal tribunale di Rabat lo scorso 30 settembre. E con lei anche il suo ginecologo e il suo fidanzato, condannati rispettivamente a due anni e un anno di reclusione. Pena sospesa, invece, per un anestesista e un assistente medico. A tutti è stato esteso il provvedimento di clemenza.

Durante il processo la giornalista, redattrice del quotidiano Akhbar al Yaoum, ha sempre negato di avere abortito sostenendo di essersi curata per una perdita di sangue interna, testimonianza sostenuta in aula anche dal suo ginecologo. La condanna aveva sollevato una reazione tra la società civile: tante le manifestazioni davanti al Parlamento, raccolte di firme, ma anche lettere di autoaccusa di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo. Fino alla decisione presa dal sovrano: il comunicato ufficiale parla di “perdono concesso per favorire la nascita di una nuova famiglia, secondo la legge, nonostante l’errore commesso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, chi sta combattendo davvero in Kurdistan e contro chi

next
Articolo Successivo

Londra, attivisti ambientalisti di Extinction Rebellion bloccano la metro: pendolari inferociti picchiano manifestante

next