Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio del Giappone, 17° appuntamento del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Suzuka. Il finlandese della Mercedes ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel, partito dalla pole, portando a casa la terza vittoria stagionale dopo quelle a Melbourne e Baku. Terzo Lewis Hamilton, sull’altra Mercedes: è proprio grazie ai suoi punti che la casa tedesca si è aggiudicata il titolo costruttori per il sesto anno consecutivo. La Ferrari ha sciupato una grande occasione dal momento che dopo le qualifiche c’erano tutti i presupposti perché le due rosse potessero dominare la gara. Ma già alla prima curva le cose sono cambiate: Vettel ha perso il primo posto a causa di un’incertezza in partenza, cedendo la testa della gara a Bottas, mentre Charles Leclerc ha chiuso il Gp in sesta posizione a causa di un contatto al primo giro con Verstappen, ancora sotto investigazione dei giudici di gara.

Con il monegasco fuori gioco e relegato alle ultime posizioni (nonostante tutto però è riuscito poi a rimontare fino al sesto posto), il team Ferrari ha puntato tutto su Vettel. Il tedesco ha fatto una gara impeccabile ma purtroppo la sua Ferrari non è riuscita a tenere il passo della Mercedes di Bottas, nonostante in qualifica avesse ottenuto il miglior tempo. Grande delusione per Hamilton che non è apparso al meglio già nelle prove libere, dove è stato sempre battuto dal compagno di scuderia, e poi anche in gara, costretto dal suo team a lasciare il passo a Bottas.

“Sono molto felice. Eravamo abbastanza vicini in qualifica, partire dal terzo posto non è mai semplice. Non ho mollato, sarebbe stato assurdo farlo, sapevo che tutto era possibile”, ha detto Bottas commentando la vittoria. “Oggi c’è stata l’opportunità e l’abbiamo colta alla partenza. Sono partito molto bene e sono riuscito a passare Sebastian, poi il passo è stato ottimo e sono riuscito a controllare la gara”, ha spiegato il finlandese della Mercedes. “Mi sono divertito, mi sono goduto la gara. Il rientro ai box? Sapevamo che non c’era molta differenza tra una o due soste, entrambi gli scenari erano aperti, poi tutto è andato liscio. Ho controllato quando potevo e spinto quando volevo”. E sulla vittoria del sesto titolo costruttori ha detto: “Sono fiero di far parte di questo team, è qualcosa di impressionante, li ringrazio”. Alla domanda se avesse potuto lottare per la vittoria, Hamilton ha risposto che il suo obiettivo era solo quello di “portare a casa più punti possibile”. Poi ha aggiunto: “Avrei potuto battagliare più liberamente con Valtteri se non ci fosse stato in ballo il titolo? No, non sarebbe stato diverso, perché abbiamo sempre potuto battagliare dall’inizio. E lo potremo faremo fino a fine stagione”, ha assicurato Hamilton, leader della classifica e sempre più vicino al titolo piloti.

Assegnato il primo titolo mondiale

Il team principal della Mercedes Toto Wolff ha espresso la propria felicità per il successo ottenuto in Giappone e per il titolo mondiale Costruttori: “non mi aspettavo di vincere, abbiamo eguagliato la Ferrari di Schumacher”

La gara sarà trasmessa in differita oggi dalle 15.00 su TV8 del digitale terrestre

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1 Giappone, tifone Hagibis in arrivo a Suzuka: le qualifiche rinviate a domenica mattina

next
Articolo Successivo

F1 Gp Giappone, la Ferrari in pole rovina tutto. Ma almeno una consolazione c’è

next